“L’ultimo carosello” di Manuela Villa e Annalisa Minetti

Presentato con successo il libro al Borgo Pigneto di Roma con Massimo Cinque
Annalisa Minetti, Massimo Cinque, Manuela Villa

In tantissimi per la presentazione del libro “L’ultimo carosello” edito da Armando Curcio Editore di Manuela Villa e Annalisa Minetti al Borgo Pigneto di Roma. A moderare, il regista, autore e attore Massimo Cinque.

Francesca, Marzia, Patty, Tiziana, Sofia, Paola, Lucia e Roberto: ognuno di loro ha una storia, un’esistenza piena di difficoltà che la vita non lascia mai sottintese. Sul baratro di un cambiamento, volenti o nolenti, dovranno prendere una decisione, che sarà influenzata dalle pretese di Roberto: un uomo egoista e arrogante, abituato a tenere la sua compagna Lucia in pugno. Una rapina, un piano andato male e un’inaspettata sorellanza, porteranno le donne di questa storia a trovare il coraggio di uscire dalla propria prigione, salutando l’ultimo carosello della propria vita.

Manuela Villa e Annalisa Minetti sono da sempre grandissime amiche, unite dall’amore per la musica e per la vita. Per la prima volta si vedono coinvolte in un progetto che le colloca tra le pagine di un libro, un romanzo. Tra i mille impegni di Annalisa e di Manuela non è stato semplice, ma la loro creatività e la loro infinita voglia di scoprire e apprezzare le proprie diversità hanno fatto nascere e concretizzare questo progetto editoriale.

Manuela Villa si afferma nel mondo della musica e del teatro negli anni ‘90. Artista poliedrica: attrice, interprete e speaker radiofonica, è attenta a tutto ciò che la circonda, soprattutto a temi che riguardano il sociale. Dopo aver pubblicato il suo primo libro autobiografico «L’obbligo del silenzio», edito dalla Armando Curcio Editore (2007), pubblica, per la stessa casa editrice, «La sposa e il diavolo» (2009) raccontando l’orrore della violenza sulle donne, seguito poi da «L’alimentatore» (2021), romanzo dal sapore noir.

Annalisa Minetti, dopo aver studiato danza, entra nel mondo della musica a soli quindici anni. Nel 1995 partecipa a Sanremo Giovani con i Perro Negro. Nello stesso anno scopre di essere affetta da una forma di degenerazione maculare e retinite pigmentosa: una patologia che la porterà alla cecità. Nonostante questo, trova la forza di continuare a esprimere il suo massimo potenziale. Partecipa a Miss Italia nel 1997 e, l’anno successivo, vince Sanremo con la canzone «Senza te o con te». Nel 2012 diventa un’atleta paralimpica plurimedagliata, ed è stata insignita del titolo di Cavaliere della Repubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati