Operazione alto impatto della Polizia di Stato, ad est della Capitale

Identificate 295 persone, controllati 110 veicoli e 3 esercizi commerciali

Continuano i servizi ad alto impatto della Polizia di Stato in tutta la capitale. I servizi, svolti ormai periodicamente, hanno come obiettivo anche quello di incrementare la percezione di sicurezza nella zona ed aumentare la fiducia dei cittadini nelle istituzioni, grazie alla presenza e alla maggiore visibilità sul territorio delle Forze dell’Ordine: interessato stavolta il quadrante est della capitale, con le zone di San Basilio e Tivoli.

Nello specifico, i poliziotti del IV Distretto San Basilio, del III Distretto Fidene Serpentara, del VI Distretto Casilino, insieme gli agenti in moto delle Nibbio e delle unità cinofila antidroga, hanno effettuato un mirato servizio di controllo a tutela della sicurezza sulle grandi infrastrutture di trasporto del collegamento urbano, presso la Stazione della Metropolitana Linea B fermata “Ponte Mammolo”, e sono stati effettuati servizi antirapina e posti di controllo nei quartieri “Colli Aniene”, “Rebibbia”, “Casal de’ pazzi”, “Case Rosse” e “Settecamini”: identificate in tutto 81 persone, 7 delle quali, straniere, sprovviste di documenti d’identità, sono state accompagnate presso gli Uffici di Polizia per verificarne la regolarità sul territorio nazionale.

Inoltre, gli investigatori del IV Distretto e le unità cinofile antidroga hanno effettuato varie ispezioni all’interno delle scale condominiali di palazzi nel quartiere del Tiburtino Terzo trovando, nell’area verde condominiale di uno di questi, 1 involucro contenente 76 grammi di hashish occultati in un sacchetto e già suddivisi in dosi: tutta la sostanza stupefacente è stata sequestrata.

Infine, sono state effettuate ispezioni amministrative presso un’attività commerciale, unitamente agli ispettori del S.I.A.N. dell’ASL RM2: al titolare è stata contestata la sanzione amministrativa di natura pecuniaria pari a 2.000 euro.

Sono state altresì riscontrate gravi condizioni igienico sanitarie riconducibili alla presenza di blatte ed escrementi di roditore rinvenuti all’interno dei locali adibiti a magazzino. Nella serata di ieri, a Tivoli, gli agenti della Polizia di Stato, coordinati dal locale commissariato, hanno effettuato un servizio straordinario di controllo del territorio.

Impiegati i poliziotti delle Volanti, della Polizia Giudiziaria e della Polizia Amministrativa del Commissariato tiburtino che, con l’ausilio di pattuglie del Reparto Prevenzione Crimine “LAZIO”, dei poliziotti della Divisione Polizia Amministrativa della Questura di Roma e di un’Unità Cinofila (in forza presso l’U.P.G.S.P. della Questura di Roma), si sono concentrati nelle vie e nelle piazze maggiormente interessate dal fenomeno dello spaccio di stupefacenti.

Contestualmente, si è proceduto al controllo amministrativo di diversi esercizi pubblici, con il supporto specialistico della Divisione Polizia Amministrativa della Questura di Roma.

Sono state elevate sanzioni amministrative pecuniarie – in via di quantificazione, per diverse migliaia di euro – nei confronti di un noto bar-ristorante del centro di Tivoli ove sono state riscontrate irregolarità nella tenuta del registratore di cassa (non funzionante dall’ottobre scorso) e del registro “corrispettivo”; un dipendente straniero non in regola; un quantitativo di alimenti – in particolare, carni e formaggi – mancanti delle indicazioni sulla tracciabilità e scaduti da mesi, anche scongelati e ricongelati o ammuffiti, all’interno di frigoriferi e di un congelatore in un locale magazzino.

I controlli straordinari del territorio sono stati estesi anche nella frazione Albuccione del Comune di Guidonia Montecelio. In esito a tale attività, sono stati conseguiti i seguenti risultati:

11 posti di controllo con 214 persone identificate e 110 veicoli controllati, che hanno portato al sequestro amministrativo di un’autovettura e al fermo amministrativo di un’altra auto, 2 sanzioni ai sensi del Codice della Strada; 2 bar controllati, uno dei quali sottoposto a sanzioni amministrative.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati