Municipi: | Quartiere:

Pomezia: Vestito da rider in piena notte, rubava i fari dalle auto, arrestato

Il 38enne trovato mentre si aggirava con fare sospetto di notte nel parcheggio di un comprensorio di case popolari
Vestito da rider, in piena notte, rubava i fari dalle auto in sosta. Nel borsone termico, invece di bibite e alimenti, gli attrezzi del mestiere e la refurtiva appena smontata.
A interrompere gli affari di un 38enne italiano i carabinieri della compagnia di Pomezia che lo hanno arrestato con l’accusa di furto aggravato e continuato. Sono stati i militari dell’aliquota radiomobile, impegnati in un servizio perlustrativo finalizzato alla prevenzione e repressione dei reati predatori, transitando presso il comprensorio di case popolari di via Catullo, a notare la presenza di un giovane in bicicletta vestito da rider e con il consueto borsone termico sulle spalle.

“Insospettiti dall’orario, insolito per l’esigenza del trasporto di alimenti, – spiega la nota dei Carabinieri della Compagnia i Pomezia – i militari hanno deciso di procedere ad un controllo dell’uomo, il quale tentava una breve fuga subito interrotta. Sottoposto a perquisizione, è stato quindi trovato in possesso di arnesi da scasso, quali cacciaviti, tronchesi ed un trapano, custoditi nella borsa insieme a due fari di autovettura.

Poco distante, infatti, nella medesima circostanza, i Carabinieri notavano la presenza di un veicolo parcheggiato privo del gruppo ottico e di un furgone sospetto. Perquisito anche quest’ultimo mezzo, noleggiato proprio dal ragazzo fermato, i militari vi trovavano all’interno altri 12 gruppi ottici, corrispondenti ad altrettante autovetture depredate di questi componenti nel corso della notte. Rintracciati quindi tutti i proprietari e raccolte le denunce, i materiali venivano restituiti agli aventi diritto”.

Il 38enne, su disposizione della procura di Velletri, è stato ristretto presso le camere di sicurezza della compagnia di Pomezia in attesa di comparire in tribunale per l’udienza di convalida.

Catering a Roma

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati