“Rione Ponte e i suoi abitanti” in Mostra

Arte e artigianato di eccellenza, dalla fine del XIX sec. ad oggi. Inaugurazione il 13 maggio ed esposizione fino al 10 giugno
Carla Guidi - 11 Maggio 2017

Sabato 13 maggio 2017 verrà inaugurata nel Rione Ponte a Roma la mostra: “Rione Ponte e i suoi abitanti – arte e artigianato di eccellenza dalla fine del secolo XIX ad oggi”

Una “festa”, ovvero come celebrare un’identità tra un Rione ed i suoi abitanti, senza trascurare le sue maestranze, la memoria, l’arte e l’artigianato di eccellenza. Come sappiamo da un’indagine condotta dal CRESME, Roma è costituita da centonovantotto micro città, ognuna delle quali ricompone la mappa di una metropoli così ricca di storia, di arte e di stratificazioni architettoniche, non solo, in qualche modo così accogliente e tollerante, che tutti coloro che vengono a fuori (la maggior parte della popolazione) adottano un quartiere e lo fanno proprio, come se lì fossero sempre vissuti.

Il nome del “Rione Ponte” deriva dal ponte Sant’Angelo stesso. In questo confluivano le strade maggiori nelle quali transitava un flusso inarrestabile di pellegrini che arricchivano l’economia della zona, frequentando locande, osterie accedendo al commercio di oggetti sacri. Furono costruiti qui specialmente grandi palazzi di famiglie aristocratiche e mercantili, secondo progetti di grandi artisti, mentre questi stessi artisti e gli artigiani di eccellenza, spesso abitavano e occupavano le antiche botteghe che fondarono tradizioni addirittura familiari. Questa è continuata nel tempo mentre, le due guerre mondiali ed il mutare dell’economia dalla qualità alla quantità, ne hanno messo a dura prova la sopravvivenza.

I luoghi della Mostra che si animeranno a partire da sabato 13 maggio sono: Oratorio San Giovanni dé Fiorentini, via Acciaioli, 4 – Museo D’Arte Sacra San Giovanni dé Fiorentini p.zza dell’Oro, 1 – Galleria Sinopia via dei Banchi Nuovi, 21b – Centro Culturale Anziani Ponte, via dei Cimatori. Secondo programma, tutti i giorni un mercatino particolare al Circolo per Anziani in via dei Cimatori fino alle ore 18.00, poi proiezione di film, presentazione di libri e non manca una Riffa, con vendita dei biglietti presso l’Oratorio di San Filippo ed al mercatino. Il 10 giugno ore 16, presso l’Oratorio, verranno estratti i 3 premi, alla presenza di don Luigi Veturi e di un Rappresentante del Circolo degli Anziani. L’intero ricavo dell’iniziativa, al netto dei costi di stampa, sarà devoluto in beneficenza, in parti uguali ed a favore: Associazione Peter Pan Onlus – Sorelle di Sant’Angela della Croce.

Le Mostre sono con entrata libera, ad eccezione del Museo D’Arte Sacra di San Giovanni dei Fiorentini; ma l’offerta per la visita al Museo è libera. Il ricavato della visita servirà a sostenere il Museo stesso, soprattutto questa visita permetterà di scoprire meglio uno dei tesori del Rione dove, oltre alla collezione “permanente” (di Giovanni Lorenzo Bernini, Michelangelo, Zuccari, Piero da Vinci, Ercole Ferrata, Raffaellino, Giovanni Maria Bottala, Pompeo Batoni ed i preziosi reliquiari a braccio ed ostensori …) saranno esposte opere della Bottega Mortet, di Cristiana Perali, del Maestro Ferdinando Codognotto e dell’antiquario Mario Prili. Nell’Oratorio dei Fiorentini dedicato a San Filippo Neri (Parroco fondatore della Congregazione dell’Oratorio) verranno esposte fotografie anche inedite provenienti dall’Archivio storico dei F.lli Alinari e da collezioni private, che ripercorreranno la storia umana ed artigianale di questo Rione.

Nell’Oratorio inoltre, l’Accademia di Costume e di Moda esporrà sia costumi in stile anni ‘50 che opere contemporanee, mentre il negozio antiquario di Alessandro Melmeluzzi esporrà alcune divise ed ggetti della seconda guerra mondiale, Alberto Quadri – Antiquariato Quadri e Lanzi – esporrà un’opera lignea da lui realizzata: il modello in scala della Facciata della Chiesa di San Salvatore in Lauro.

La Galleria Sinopia di Raffaella Lupi (in foto) in via dei Banchi Nuovi 21 b/c, tel 06 6872869 – www.sinopiagalleria.com – per questa occasione esporrà le opere di Marcello Avenali e Federico Spoltore, due Maestri del ‘900 che hanno vissuto e lavorato proprio alle spalle della Galleria, autori forse poco conosciuti o ingiustamente dimenticati, ma dal grande valore artistico, riscoperti dai collezionisti. Raffaella Lupi per questa occasione, nella sua storica Galleria d’Arte, assieme a queste tele presenterà anche altri artisti, scultori, pittori ed artigiani d’eccellenza come i Fratelli Tavani argentieri, Nicola De Pillis ebanista, Franco Er Marmista, Davide Cecilia e Marina Moscetti della DM studio-restauratori. I loro oggetti rappresentano infatti, non solo l’identità del Rione, attraverso i loro banchi da lavoro, i loro utensili e le loro opere, ma anche attraverso la preziosa facoltà dell’artigiano di rapportarsi alla materia per trasformarla e darle un’anima a rappresentare un mondo fatto di storie e di storia … attraverso un gesto che non rappresenta solo un’azione meccanica, ma soprattutto un codice stratificato e raffinato dal passaggio attraverso generazioni. E’ questa anche un’occasione per la collettività di tornare in contatto con una Memoria che non si deve perdere … per essere tramandata, forse anche trasformata, ma non abbandonata, poiché “Arte è linguaggio” senza il quale siamo tutti più poveri, specialmente oggi che ci siamo abituati, con malessere, a vivere troppo in un mondo addirittura virtuale.

Sabato 13 maggio 2017 verrà inaugurata nel Rione Ponte a Roma la mostra: “Rione Ponte e i suoi abitanti – arte e artigianato di eccellenza dalla fine del secolo XIX ad oggi”. Oratorio San Giovanni dé Fiorentini, via Acciaioli, 4 – Museo D’Arte Sacra San Giovanni dé Fiorentini p.zza dell’Oro, 1 – Galleria Sinopia via dei Banchi Nuovi, 21b – Centro Culturale Anziani Ponte, via dei Cimatori.

La manifestazione durerà dal 13 maggio al 10 giugno 2017.

 Per info e contatti: studiofdt@tin.it – tel 329 6111737. Galleria Sinopia – www.sinopiagalleria.com. tel 06 6872869. –

FOTO DI VALTER SAMBUCINI

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti