Rissa tra detenuti italiani e stranieri a Regina Coeli

L'Uspp Lazio: "Con oltre 1100 detenuti è difficile mantenere l’ordine e sicurezza"

Ancora episodi di violenze e subbuglio all’interno del carcere di Regina Coeli. Lo rende noto il sindacato Uspp Lazio. Violenze tra detenuti italiani e stranieri sedate dalla polizia penitenziaria nel primo pomeriggio di Mercoledì, “probabilmente per un regolamento di conti”.

Come denunciano dal sindacato: “Già nel passato si sono scontrati i detenuti nel carcere romano sul lungotevere, dove ad oggi il sovraffollamento ha superato le 1130 presenze rispetto ai 600 posti. I detenuti dormono nella sesta branda in molte sezioni e il personale è sempre più insufficiente numericamente nel gestire la gravità della situazione. Da qualche settimana stiamo affrontando i problemi organizzativi sindacalmente con la direzione con un altro incontro programmato prossimamente. La preoccupazione del sindacato è quella di dover porre in sicurezza sul lavoro il personale che si trova a dover affrontare ogni giorno tali problematiche. Risse, atteggiamenti irrispettosi delle regole penitenziarie dei detenuti impegnati ad affari loschi aperti nelle ore diurne all’interno delle sezioni e poco impegnati in attività rieducative”.

Proprio in questi giorni l’Uspp Lazio, insieme ad altre sigle sindacali “ha riposto la situazione gravissima che coinvolge anche altri istituti al Provveditore regionale e ricevuto risposte dal Dap dopo lo stato di agitazione del carcere Velletri, indetto anche per Rebibbia Nuovo Complesso con 1580 detenuti rispetto ai 1200 posti disponibili”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati