Sabrina Ferilli, ritorna con “Gloria” dopo dodici anni, su Rai 1

L'attrice romana torna nella prima serata Rai affiancata da Massimo Ghini. Chi interpreta e di cosa parla la serie

Questa sera Lunedì 19 febbraio 2024, su Rai 1, va in onda Gloria, nuova serie tv, in sei episodi, che vede protagonista Sabrina Ferilli, affiancata da Massimo Ghini, Sergio Assisi ed Emanuela Grimaldi, per la regia di Fausto Brizzi.

Mancava da dodici anni: ora Sabrina Ferilli torna nella prima serata di Rai 1 con una serie che strizza l’occhio a due film che hanno fatto la storia del cinema – “Viale del Tramonto” ed “Eva contro Eva” – e a una serie di grande successo come la francese “Call My Agent”.

È la serie tv “Gloria”, che gioca sui toni del divertimento proponendo però anche un monito importante sui pericoli della fama a tutti i costi e del voyeurismo a mezzo social. La serie è prodotta da Eagle Pictures, in collaborazione con Rai Fiction, ed è tratta dalla sceneggiatura originale di Roberto Proia “Vorrei vedere te”.

Gloria è una vera diva, un’adorabile bugiarda con una naturale propensione verso il melodramma e l’eccesso e per il ruolo Sabrina Ferilli – che ha subito amato il personaggio per le sfumature di dramma e comicità che lo caratterizzano – è stata la prima e unica scelta della produzione e del regista. Ad affiancarla un cast di attori amatissimi la cui presenza contribuisce a esaltare la divertente gamma di caratteristiche, dal narcisismo all’egoismo spudorato, che Sabrina Ferilli ha saputo donare alla sua Gloria Grandi, insieme a umanità, simpatia e fragilità.

Tra questi, Massimo Ghini con il quale ricrea una coppia cinematografica e televisiva di grande successo. La scrittura dei sei episodi della serie è stata affidata all’autore stesso del soggetto (che è anche produttore del progetto), Roberto Proia, e a due sceneggiatori noti per la capacità di unire dolce e amaro con ironia e irresistibile crudeltà: Fausto Brizzi e Paola Mammini (“Perfetti Sconosciuti”).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati