Categorie: Lavoro Politica
Municipi:

Sicurezza Lavoro: Mattia(Pd), Giunta Rocca ripristini fondi regionali

I 4 milioni annunciati erano già previsti da Inail e fondi UE FSE

Zero fondi regionali e, cosa ancora più grave, zero prevenzione per il contrasto degli infortuni e delle morti sul lavoro nel Lazio, nonostante ci avviciniamo ai rischi dell’emergenza caldo, soprattutto per chi lavora nei campi e nei tanti cantieri in partenza per il Pnrr e il Giubileo.

I 4 milioni annunciati dall’assessore al Lavoro, Schiboni, sono in realtà un bluff, che offende la memoria delle tante, troppe, vittime sul lavoro e le lavoratrici e i lavoratori della nostra regione che ogni giorno rischiano la vita”. Così la consigliera regionale Pd del Lazio, Eleonora Mattia, a margine degli Stati Generali sulla Sicurezza organizzati da CGIL Roma e Lazio all’auditorium dell’Inail.

Dei 4 milioni annunciati dall’assessore Schiboni, infatti, un milione proviene dai fondi Inail, destinati anche in passato per prassi alle aziende per gli infortuni, in base alla loro gravità, e 3 milioni sono fondi Ue FSE. Rimangono pertanto cancellati i 2 milioni di risorse regionali stanziate dalla precedente giunta di centro sinistra”, spiega Mattia.

Nessuna traccia ad oggi delle misure di prevenzione previste dalle norme regionali: dal Piano Strategico Regionale su Salute e Sicurezza sul lavoro, per programmare e attuare le azioni di contrasto di infortuni e malattie professionali agli Sportelli per la sicurezza sul lavoro fino al Sistema informativo regionale per la prevenzione e sicurezza sul lavoro, per realizzare un’anagrafica dei cantieri e tracciare le azioni messe in campo.

Questo è indicativo della linea politica della Giunta Rocca, che non investe sulla prevenzione di morti e infortuni sul lavoro, limitandosi poi a piangere le vittime, nè anticipa la perdita degli oltre 20mila posti di lavoro a rischio nel Lazio legata all’Intelligenza Artificiale”, conclude Mattia.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati