Termini: turisti presi di mira dai rapinatori, due ladri in manette

L'operazione condotta dalla Polizia di Stato

Gli investigatori del commissariato Viminale hanno sottoposto a fermo di indiziato di delitto due uomini, un 28enne tunisino e un 23enne egiziano, poiché entrambi gravemente indiziati del reato di rapina.

Nello specifico, i poliziotti hanno fermato il 28enne tunisino poiché hanno accertato che, nella mattinata del 20 Marzo scorso, una persona, mentre era in piazza dei Cinquecento in attesa dell’autobus per Fiumicino, ha visto un uomo avvicinarsi, per poi rubargli il bagaglio e il cellulare, dandosi poi alla fuga.

Il 28enne, rintracciato anche grazie alla descrizione fornita dalla vittima e alla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza, è stato poi sottoposto a fermo di indiziato di delitto.

La Procura di Roma ha chiesto ed ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari la convalida del fermo e l’adozione della custodia cautelare in carcere. L’uomo è stato associato presso la casa circondariale di Regina Coeli.

Sempre gli agenti del Commissariato Viminale, Mercoledì scorso, sono intervenuti in via Vicenza, nei pressi di una struttura alberghiera, poiché una persona intenta a fare una videochiamata è stata colpita al volto con un pugno da un uomo; quest’ultimo le ha poi strappato dalle mani lo smartphone ed è scappato.

Gli agenti, grazie alle serrate indagini, alle descrizioni fornite dalla vittima e alla visione delle immagini del sistema di videosorveglianza cittadino, hanno individuato in un 23enne egiziano l’autore della rapina e lo hanno rintracciato e sottoposto a fermo di indiziato di delitto.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati