Terracina: Abusa della nipotina di 12 anni, arrestato zio orco

Le indagini dopo le confidenze fatte dalla vittima alla sorella maggiore

Inizia così la storia di una ragazzina vittima di un orco: “Quando mamma e papà non c’erano lui si è infilato nel letto e …”. Un racconto straziante fatto alla sorella maggiore da una giovanissima di 12 anni, di qui la denuncia, gli approfondimenti investigativi da parte della polizia di Stato, l’audizione protetta della stessa vittima, che ha confermato i fatti già raccontati risultando attendibile e credibile. E a quel punto sono scattati gli arresti domiciliari nei confronti dell’uomo, che è lo zio della ragazza e ha 35 anni.

I genitori della vittima si sono rivolti alla Polizia nello scorso mese di ottobre, riferendo di aver saputo solo pochi giorni prima delle confidenze fatte dalla figlia e che gli abusi di cui aveva parlato alla sorella sarebbero stati compiuti circa otto mesi prima, attorno dunque al mese di febbraio 2023.

La ragazzina aveva raccontato che, un giorno in cui i genitori si erano assentati e avevano chiesto al parente di badare ai propri figli, mentre tutti dormivano lo zio era entrato in camera sua e l’aveva violentata.

“Non ho detto nulla sinora. Avevo paura e avevo paura anche che potevate non credermi”, aveva specificato la minore. “Ora però non ce la faccio più a tenermi tutto dentro”, aveva concluso.

Gli investigatori del commissariato di Terracina, effettuate una serie di indagini e ascoltata in forma protetta la minore, hanno “confermato integralmente i fatti narrati”, come sottolineato dalla questura di Latina, e hanno ritenuto la ragazzina “fortemente attendibile e credibile”.

Il gip, su richiesta della Procura di Latina, ha quindi disposto i domiciliari per il 35enne, un uomo di nazionalità romena, a cui nei prossimi giorni gli verrà applicato il braccialetto elettronico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati