Municipi: | Quartiere: ,

Il tramonto dell’alba e l’eclissi dell’Io di Antonio Saccà

Il 22 giugno 2016 alle ore 17.30 sarà presentato il suo recentissimo libro presso il centro culturale “Gabriella Ferri” di via G. Galantara 7

Il 22 giugno 2016 alle ore 17.30 sarà presentato il recentissimo libro “Il tramonto dell’alba e l’eclissi dell’io” di Antonio Saccà presso il centro culturale “Gabriella Ferri” di via G. Galantara 7, in collaborazione con l’Associazione “Il Veliero Azzurro” e con il patrocinio del Municipio IV.

coperQuesto libro è prospettico, coglie il presente, immagina il futuro. E se l’oggi è angosciante, il domani è terrificante. Bisogna avere il coraggio di guardare il buio e “vederlo”, e vederlo come buio.

Vi è chi crede ad armonie naturali o soprannaturali, che il Bene, chi sa come e chi sa perché, trionferà: confonde il fatto che la vita continua con il Bene. La Vita continua ma il suo percorso è insanguinato. Soltanto chi vede il buio ne vuole uscire. Il buio: soprattutto la guerra.

Esistono potentissime forze che “vogliono” la guerra, una guerra a diverse gradazioni, una guerra economica, una guerra demografica, una guerra disordinatrice, una guerra vera e propria, il terrorismo. Forze che non tollerano ostacoli, spezzano le sovranità nazionali, ed infine la stessa consistenza dell’Io.

Quest’ultimo fenomeno, devastante, è la novità del testo. Chi intende coglierla ne troverà l’analisi. Cosa sorge da tale frantumazione?

Agglomerati indistinti, masse indifferenziate, perdita di ogni criterio valutativo, nazioni ed individui passivi che ricevono tutti e tutto, consumano tutto, perdono caratteristiche di specifiche civiltà, diventano mercato planetario e forza lavoro disincarnata. L’immissione di tecnologie robotiche e dell’intelligenza artificiale dà il colpo finale.

Ammassi umani tra disoccupazione e sottoccupazione, rimescolati, immiseriti, al di qua della legge, disposti ad ogni violenza per sopravvivere, o all’assoggettamento totale, mentre i sistemi produttivi si innalzano al sovra umano tecnologico, e i possidenti lucrano immoderatamente.

Un Mondo Iperuranico, di Magnati, un Mondo Empirico di poveracci e di impoveriti, in rissa di affamati, il più bestiale vince, con gran godimento degli Iperuranici che governano il dissesto impedendo coaguli avversi. In questo pandemonio salvare la civiltà è un incubo, se qualcuno ritiene che il carnaio universale faccia sorgere civiltà della convivenza, dell’apertura, dell’accoglienza, è cieco, o canaglia o si fa ricattare dal timore di venir considerato in balia dei “pregiudizi”.

Ecco un ritrovato efficacissimo: per evitare la critica, chi ritiene che non precipitiamo nel carnaio indifferenziato accusa di discriminazione colui che vorrebbe una certa esclusione, qualche valutazione, qualche rifiuto, non l’inclusione senza frontiere.

Questo il futuro già nel presente. Gli Iperuranici, i Magnati ne traggono vantaggi, le popolazioni, no. Piuttosto: mescolanza di poveri e di impoveriti, lotta incivile, società volutamente non governate.

“Ammazzetevi tra di voi, disgraziati, noi abbiamo  altri lavoranti, meccanici, obbedienti, efficienti, i sempre giovani Robot. Il lavoro umano è dei nuovi forzati, manovalanza abbrutita…”.

Così parlano i Magnati, tra una battaglia e l’altra. Ovviamente, esagero. Sì, esagero nel ridurre gli eventi. Saranno peggiori di ogni fantasia nera. Forze potentissime si sono scatenate dall’inferno sociale, vogliono guerre e dissesto e immiserimento planetario, sostituiranno gli uomini, con le gambe sul tavolo fumano un sigaro esplosivo gettando il mozzicone acceso tra i popoli.

“Ho talvolta dato accesso alla cronaca, nella sua variabilità quotidiana – dice Antonio Saccà – perché non fosse dissolta dalla Storia”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati