“Tutti e due” [Amândoi] di Liviu Rebreanu, il primo giallo della letteratura romena

Nella traduzione in lingua italiana di Alina Monica Turlea e Alessio Colarizi

La casa editrice Rediviva ha di recente pubblicato il romanzo in lingua italiana “Tutti e due” [Amândoi] di Liviu Rebreanu, sottotitolato Enigma di un duplice omicidio, nella traduzione di Alina Monica Turlea e Alessio Colarizi Graziani, volume inserito nella collana Quaderni romeni.

“Tutti e due”, pubblicato per la prima volta nel 1940 ( Editura Socec, Bucarest), è l’ultimo sorprendente romanzo di Liviu Rebreanu (1885-1944)  ambientato nella tranquilla e provinciale città di Pitești, e rappresenta un vero affresco sociale e analitico dell’epoca.

Considerato il primo giallo della letteratura romena, in “Tutti e due – Enigma di un duplice omicidio” vediamo una società ossessionata dal denaro e divisa da tante altre cose: classe sociale, origine geografica, occupazione, litigi familiari, fortuna. La passeggiata serale lungo la strada principale della città di Pitești è l’unico luogo, e l’unico momento, in cui questi divari sono sfumati, e Rebreanu vi dedica tanti passaggi descrittivi che contribuiscono alla costruzione dell’atmosfera tranquilla di questa piccola cittadina.

Le caratteristiche di questo grande autore romeno le incontriamo anche nel suo ultimo romanzo, come: l’acutezza psicologica, la perfetta padronanza descrittiva, il linguaggio chiaro e ritmico, l’intreccio della trama, la tecnica di coinvolgimento, tutto condito da suspense e colpi di scena.

Adotta Abitare A

Il volume sarà presentato nell’ambito del programma della XXXIV edizione del Salone Internazionale del Libro di Torino, nella sezione Salone Off, organizzato dall’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia e l’Accademia di Romania di Roma, in collaborazione con il Consolato Generale di Romania a Torino, sabato 21 maggio 2022, a partire dalle ore 19.00, presso la Libreria Trebisonda, via Sant’Anselmo 22, Torino, parte della raccolta “Classici della letteratura romena”, insieme ad un altro capolavoro di Rebreanu,  “La Ciuleandra “, tradotto in italiano dagli stessi sopra citati. Innerveranno la direttrice dell’Istituto culturale Italo-Romeno di Milano, la signora Violeta Popescu, professor Roberto Merlo e i traduttori del romanzo Alessio Colarizi e Alina Monica Turlea.

LIVIU REBREANU (1885-1944) è uno dei maggiori scrittori romeni della prima metà del Novecento. Grande romanziere, Rebreanu è considerato il fondatore del romanzo moderno romeno, che porta nella letteratura una visione matura e obiettiva.

“Ma esattamente da questo mondo perso nella sua cupa cenere, emerge la figura di Solomia, patetica nella  semplice e tragica profondità del suo sentire, e le cui semplici parole non riescono a trovare espressione, ma vengono portate a compimento dal suo destino. Attraverso questo personaggio, il libro di Rebreanu è connesso a quanto di più forte c’è nella sua opera.” (Mihail Sebastian)

“Il personaggio di Solomia, protagonista del suo ultimo romanzo, è una figura molto profonda, una poesia primitiva e un raro e originale mistero. [Rebreanu] crea un’anima enigmatica attraverso gli atti riflessi, la passione compressa e il simbolo di un tragico destino umano che prende forma nella figura di una modesta e semplice domestica di campagnia. “ (Pompiliu Constantinescu )

 

Alina Monica Turlea

Alina Monica Turlea (n. 1979, Romania), laureata in Lingue e Letterature moderne all’Università di Roma, “La Sapienza “, e con una laurea specialistica in Scienze linguistiche, letterarie e della traduzione, con una borsa di studio all’Università Sorbona di Parigi, pubblica la sua prima raccolta di poesie, La mia Quintessenza, Aletti Ed., 2019, e nelle antologie: Luoghi di parole (Aletti Ed.), Le tue parole (Pagine, 2018), Mi illumino d’immenso (Pagine, 2020), Lingua Madre. Racconti di donne straniere in Italia (2020, 2021, Seb27 Ed) etc. Ha tradotto in italiano “La Ciuleandra” di Liviu Rebreanu, e “Tutti e due. Enigma di un duplice omicidio” di L. Rebreanu, insieme a Alessio Colarizi Graziani per Rediviva Ed.; Fiabe, P. Ispiresu, Besa-Muci Ed.(cotraduzione Silvia Storti); in romeno L’apprendista di Goya (Ucenicul lui Goya) di Sara di Furia, Lebada Neagra Ed., Romania, etc. Collabora con vari testate online come Abitarearoma.it oppure riviste letterarie quali Orizzonti culturali italo-romeni. È, inoltre, caporedattore di MarchettiArtGallery.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati