Municipi: , | Quartiere:

U vizzje a morte di Assunta Finiguerra

Mercoledì 20 aprile 2016 alle ore 18 a Roma, presso la Sala dei Papi in piazza della Minerva 42 (Chiostro dei Domenicani alla Minerva) la presentazione della raccolta postuma della poetessa lucanaEdizioni a cura di Edizioni Cofine e Centro Studi Lucani nel Mondo

Mercoledì 20 aprile 2016 alle ore 18 a Roma, presso la Sala dei Papi in piazza della Minerva 42 (Chiostro dei Domenicani alla Minerva) Edizioni Cofine  e Centro Studi Lucani nel Mondo organizzano la presentazione della raccolta postuma di ASSUNTA FINIGUERRA U vizzje a morte (Il vizio della morte)

PresentazFiniguerra20AprileIntervengono:

i poeti e critici Roberto Pagan e Rosangela Zoppi, curatori dell’opera

il Presidente del Centro Studi Lucani nel Mondo Antonio Pilieri

l’editore Vincenzo Luciani

 U vizzje a morte (Il vizio della morte). Poesie 1997-2009 di Assunta Finiguerra, introduzioni di Roberto Pagan e Rosangela Zoppi, Edizioni Cofine, Roma, 2016, pp. 160, euro 15,00 – Questo libro di poesie di Assunta Finiguerra, in dialetto sanfelese, articolato in due sezioni, riunisce parte degli inediti dal 1997 al 2003 e parte di quelli dal 2004, anno della s coperta della malattia, al 2009, anno della morte.
Le poesie sono raggruppate in raccolte come le aveva suddivise l’autrice. La scelta dei testi da pubblicare si è basata essenzialmente su un criterio estetico: quello di privilegiare – nell’ambito della visione e dello stile inimitabile e personalissimo della poetessa – i caratteri di coerenza e di omogeneità nell’ideazione e nella scrittura.

Assunta Finiguerra (San Fele 1946-2009), poetessa e scrittrice in lingua e in dialetto sanfelese, ha pubblicato, in lingua, la raccolta poetica Se avrò il coraggio del sole (Roma, Basiliskos, 1995) e, in dialetto, le seguenti raccolte: Puozzë arrabbià (Bari, La Vallisa, 1999); Rescidde (Roma, Zone, 2001); Solije (Roma, Zone, 2003); Scurije (Faloppio, LietoColle, 2005);Muparije (Osnago, Edizioni Pulcinoelefante, 2008); Fanfarije (Faloppio, LietoColle, 2010 – postuma) e Tatemije (Milano, Mursia, 2010 – postuma).

In prosa ha pubblicato Tunnicchje, a poddele d’a Malonghe (Faloppio, LietoColle, 2007), trasposizione in dialetto sanfelese del Pinocchio di Collodi.
Tra i numerosi riconoscimenti da lei ottenuti, ricordiamo i Premi “Pascoli” e “Giuseppe Jovine”.
Suoi testi poetici figurano in numerose riviste (“pagine”, “Periferie”, “Poesia”, “Lo Specchio”, ecc.) e antologie, tra cui Nuovi Poeti Italiani 5 (a cura di Franco Loi, Torino, Einaudi, 2004).
Nel 2006 la sua opera è stata oggetto della tesi di Alessia Santamaria, all’Università “La Sapienza” di Roma, relatore il professor Ugo Vignuzzi.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Un commento su “U vizzje a morte di Assunta Finiguerra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati