Un’armoniosa serata tra poesia e musica ricordando Achille Serrao

Ad alta densità emotiva la Giornata dedicata al poeta a Villa De Sanctis presso la Casa della Cultura, in via Casilina il 19 ottobre
di M. G. T. - 27 ottobre 2014

E’ stata ad alta densità emotiva la Giornata Achille Serrao 2014 a Villa De Sanctis svoltasi presso la Casa Della Cultura, in via Casilina il 19 ottobre 2014.

Ad accogliere i partecipanti una suggestiva mostra fotografica, realizzata da Paula Gallardo in collaborazione con Vincenzo Luciani, con una sequenza di foto che abbracciavano l’intero percorso della vita del poeta (1936-2012).

In apertura della serata la calda e sofferente voce del poeta ha incanalato nella giusta direzione, tra musica e poesia, un incontro davvero straordinario e al tempo stesso armonioso.

Luciani&PaganVincenzo Luciani, amico e sodale del poeta, introducendo l’incontro, ha citato una frase di Pier Paolo Pasolini, pronunciata in una sua celebre intervista alla Rai: “la storia della mia vita, è la storia dei miei libri”, che ben si attaglia anche ad Achille Serrao, la cui esistenza è racchiusa nei suoi libri, soprattutto di poesia, ma anche di prosa e di critica letteraria. “A noi che gli abbiamo voluto bene o che lo abbiamo semplicemente ammirato, conosciuto o che desideriamo conoscerlo più a fondo – ha affermato Luciani – spetta oggi il compito di leggere e rileggere i suoi libri e i suoi scritti, per evitarne la dispersione, porre in luce i molteplici aspetti della sua personalità, e farne rivivere la memoria”. Ed oggi nei suoi libri e nei siti www.achille serrao.it e www.poetidelparco.it è possibile reperire testimonianze, poesie, prose, critiche dedicate ad Achille. In www.poetidelparco.it in particolare sono stati pubblicati e resi fruibili gratuitamente a tutti i libri: Achille Serrao, poeta e narratore. Antologia della critica e Biobibliografia aggiornata al 2004; l’antologia Il Pane e la Rosa. Poesia napoletana dal 1500 al 2000 (2005); Era de maggio. Riduzione teatrale dalla vita e dalle opere di Salvatore Di Giacomo (2005).

pubblicoGiornataSerraoDa Era de maggio è stato tratto un frammento teatrale, a cura di Loredana Mauro, ottimamente recitato dalla stessa, da Antonella Fava e Raffaella Pinto. La loro commossa esibizione ha riscosso un forte applauso del pubblico (erano presenti anche il fratello Roberto, la sorella Carmela e i nipoti).

Il poeta e critico Roberto Pagan, da par suo, ha commentato alcuni testi in dialetto campano del grande poeta, mostrando anche una buona padronanza della lingua dialettale, fornendo una splendida lettura “da poeta” ed una convincente esegesi di alcuni testi chiave della poetica serraiana.

Di forte impatto emotivo sono state le esecuzioni del tenore Angelo Cilli che ha cantato Ducezza cimarella, un testo di Serrao musicato da Paula Gallardo e dalla stessa accompagnata al piano e quella di un nuovo testo di A. Serrao A luna, anch’esso musicato da Paula Gallardo, interpretato dal soprano Rita Bastoni.

La serata si è conclusa con la canzone (prediletta da Achille Serrao nel repertorio classico napoletano) Fenesta vascia cantata con trasporto dal Coroincanto.

L’appuntamento è al 19 ottobre 2015.Paula&Achille

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti