“Ben venga il 3° Aeroporto del Lazio, ma l’urgenza è trasferire subito i voli low-cost da Ciampino a Fiumicino”

Comunicato stampa dei sindaci di Marino, Ciampino e del Presidente del X Medici. Il 6 dicembre 2007 nei tre comuni giornata di protesta cittadina
Enzo Luciani - 28 Novembre 2007

Il Sindaco di Ciampino Walter Enrico Perandini, il Sindaco di Marino Adriano Palozzi ed il Presidente del X Municipio di Roma Sandro Medici, hanno espresso il 26 novembre soddisfazione nell’accelerazione data dal Ministro Bianchi e dal Presidente della Regione Lazio Marrazzo a riguardo dell’apertura in tre anni del nuovo “low-cost airport” del Lazio.

La definizione di un nuovo scalo aeroportuale del Lazio nasce proprio a seguito della battaglia delle tre cittadinanze che protestano per l’emergenza creatasi, negli ultimi sette anni, con l’avvento dei voli low-cost all’Aeroporto di Roma-Ciampino.

L’aeroporto “G.B. Pastine” di Roma Ciampino ha visto aumentare negli ultimi sette anni di oltre il 500% la propria attività senza la necessaria valutazione di impatto ambientale, senza la necessaria certificazione per l’operatività dei voli commerciali e senza l’approvazione di una zonizzazione acustica.

Nonostante le proteste delle popolazioni dei tre comuni, fortificate dai preoccupanti dati delle centraline per il monitoraggio acustico ed ambientale (assolutamente fuori dalle normative di sicurezza per la salute consentite), l’unico risultato finora ottenuto – l’ordinanza di trasferimento di 38 voli low-cost giornalieri – era stato ricusato dal Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso presentato dalla società Ryanair.

“Ringraziamo il Ministro Bianchi ed il Presidente Marrazzo – hanno affermato i tre primi Sindaci – per la definizione di quello che sarà probabilmente lo sbocco definitivo del futuro del traffico aereo del Lazio, compatibile con le esigenze del territorio, ma, dopo il pronunciamento del Consiglio di Stato, oggi è prioritario un intervento immediato di risoluzione all’emergenza in atto nei nostri comuni, che non può consistere in altro che in un provvedimento di immediato e progressivo trasferimento dei voli low-cost oggi a Ciampino all’aeroporto di Fiumicino.”

La tutela della salute e la sicurezza dei circa 300.000 cittadini di Ciampino, di Marino e del X Municipio di Roma è più importante, per i tre Sindaci promotori, di qualsiasi interesse commerciale, ed è per questo che GIOVEDI’ 6 DICEMBRE 2007 si svolgerà, nei tre comuni “S.O.S. VITA” giornata di protesta cittadina per chiedere l’immediato trasferimento da Ciampino dei voli low-cost.

Durante la giornata è prevista l’astensione dal lavoro per un ora nei tre comuni, un ora di assemblea nelle scuole del territorio, l’apertura ritardata delle attività produttive e, alle 19.30, spegnimento delle luci in Piazza della Pace e vie limitrofe a Ciampino, in tutta la frazione di Cava dei Selci a Marino ed in una delle principali piazze del X Municipio con fiaccolata e spettacolo in Piazza della Pace a Ciampino a partire dalle 20.00

“La giornata di protesta – hanno concluso i Sindaci – è convocata per opporci allo strapotere delle compagnie aeree irrispettose delle istituzioni italiane e per sancire, una volta per tutte che la tutela della salute e dei diritti di 300.000 cittadini sono prioritari rispetto a qualsiasi interesse commerciale. Chiediamo per questo di essere in piazza con noi a tutti i soggetti istituzionali che si sono spesi affinché si possa mettere fine all’emergenza, ovvero al Ministro Bianchi, al Presidente della Regione Marrazzo, al Presidente della Provincia Gasbarra ed al Sindaco di Roma Veltroni, oltre che a tutti i cittadini ed alle realtà del territorio’’


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti