Di Santo: classe ed eleganza a Centocelle

Da oltre mezzo secolo in piazza dei Mirti
di Maria Giovanna Tarullo e Vincenzo Luciani - 9 Ottobre 2012

Di Santo è sinonimo di classe ed eleganza a Centocelle e non solo. Un’attività che fa parte del paesaggio storico di piazza dei Mirti. Sulle sue vetrine di questo negozio si sono specchiati per più di mezzo secolo i desideri di un abito davvero elegante di uomini, di donne, di giovani.

Evolutasi con il quartiere, l’azienda non ha mai abbassato la qualità dei suoi capi di abbigliamento sia classico che sportivo. I suoi clienti sono stati sempre accolti con gentilezza mettendo a loro servizio la conoscenza del settore dell’abbigliamento, sviluppata anzi tempo dal fondatore Giorgio Di Santo (di cui ricordiamo il tratto signorile e al tempo stesso bonario, la voce dai toni discreti, quasi un sussurro, in breve: l’eleganza fatta persona). La sua eredità è oggi in buone mani, trasmessa al suo figlio Fabio che sta rinnovando, senza strappi, un’antica tradizione di famiglia.

Ed è proprio con l’elegante e disponibile Fabio Di Santoche ripercorriamo le tappe fondamentali di questa storica attività.

La nostra azienda ha preso vita nel lontano 1954 quando mio padre Giorgio, dopo aver lavorato come commesso in un negozio d’abbigliamento, decise di mettersi in proprio posizionandosi dapprima nella vicina via delle Ninfee.
Nel 1958 il negozio si è trasferito qui in piazza dei Mirti 23-24. Mio padre, con grande serietà e perseveranza, ha fatto di questo negozio un vero e proprio punto di riferimento per chi desiderava comprare dei capi d’abbigliamento classico e sportivo delle migliori marche per uomo e donna nel quartiere Centocelle.
Dopo aver respirato l’aria del negozio per qualche tempo nel 1980 sono subentrato, cercando di “rubare” il mestiere e le qualità di mio padre, oltre naturalmente all’amore per questo mestiere. Infatti senza passione, non si va da nessuna parte in qualsiasi attività e intrapresa. E così ho continuato quest’avventura seguendo l’evoluzione. Oggi infatti ci caratterizziamo più per il genere sportivo che per quello classico, essendosi nel frattempo evoluti, e non poco, i desideri della nostra clientela. Questo senza venir meno a quella cifra di sobria eleganza che da sempre ci contraddistingue.

E il vero segreto del successo della ditta?

Le ragioni di questo successo, come ho già anticipato, sono la serietà e la perseveranza coadiuvate dalla conoscenza di tutto quello che concerne il mondo dell’abbigliamento. Proprio questa conoscenza ci ha aiutato ad avere sempre un rapporto di fiducia con la clientela, pronta a fidarsi dei nostri consigli. Oltre a questo abbiamo sempre garantito un servizio su misura.

Come sono cambiati i comportamenti dei clienti?

A causare il profondo mutamento delle abitudini di spesa nella clientela purtroppo è stato l’avvento massiccio e sconsiderato dei centri commerciali che hanno abituato il pubblico ad acquistare, a qualsiasi ora e in qualsiasi giorno, senza badare spesso né alla qualità né alla durata di un capo. Ormai il cliente si è acconciato ad una qualità dei prodotti molto bassa.

Come si presenta la situazione del quartiere?

Nonostante l’insediamento, da diversi lunghi anni, a piazza dei Mirti del cantiere della metro C non abbiamo riscontrato grandi disagi tranne quello della carenza di parcheggi. Un problema che moltissimi clienti ci hanno rappresentato diverse volte: sarebbe necessario creare un’area riservata dove lasciare le auto e fare, in tutta tranquillità, due passi per il quartiere. Noi abbiamo messo a disposizione dei posti dedicati ai nostri clienti, ma vengono sfruttati troppo poco e solo da chi viene direttamente da noi senza visitare altri negozi. Quindi chiediamo all’amministrazione municipale di valutare bene la situazione parcheggi prima dell’apertura della stazione della metropolitana sulla piazza.

La foto in bianco/nero è di Paolo Margani e risali agli anni Novanta


Commenti

  Commenti: 1

    Commenti