I Trofeo Campo Boario alla Lupa Boxe

La riunione pugilistica di domenica 21 maggio a Testaccio
di Umberto Migliaccio www.periferiesulring.net - 24 Maggio 2006

La Lupa Boxe del maestro Franco Piatti ha organizzato, domenica 21 maggio, il I Trofeo Campo Boario, un’iniziativa volta a riscoprire come luogo di ritrovo pomeridiano una zona di Testaccio solitamente dedicata alla mondanità e al divertimento notturno. Perciò chi ha deciso di passare a Roma una domenica che meritava una gita al mare si è consolato assistendo a una decina di incontri tutti molto ben combattuti, una scelta condivisa da una nutrita folla di appassionati e famiglie.

La riunione di Testaccio, inoltre, era finalizzata alla raccolta fondi per Belli come il Sole, un’associazione che si batte perchè i bambini, figli di detenute, costretti a vivere anche loro in carcere sino al terzo anno di età, possano crescere con le loro madri in luoghi alternativi, sicuramente più adatti, Lorenzo, l’addetto stampa dell’associazione, ha inoltre ricordato che i detenuti di Rebibbia hanno già versato 850.00 € a favore di questa iniziativa.

Il pomeriggio è stato ricco di altri interventi, alcuni di carattere politico, come quelli del consigliere regionale Enzo Foschi ed Emiliano Pittueo che hanno sottolineato come la boxe sia portatrice di valori civili come la lealtà e il rispetto dell’avversario. Altri interventi invece di carattere sportivo, come quello di un Cantatore in occhiali scuri, per coprire gli “inestetismi” procuratigli dal buon Bikoi, e quelli di Domenico Adinolfi o Flavio D’Ambrosi Presidente del Comitato Laziale.

Ma veniamo alla cronaca degli incontri. La manifestazione si è aperta con un’esibizione di pugilato professionistico tra Alessandro Filippo, Campione Internazionale IBF dei pesi medi e Andrea Costantino. Tre riprese in cui i due pugili hanno dato spettacolo mostrando come il pugilato possa, per eleganza, essere veramente considerato la Nobile Arte.

La riunione entra nel vivo con il primo match tra i due pesi medi juniores Valerio Pensa della Lupa Boxe contro Riccardo Ganino dell’Associazione Body and Kick. Il match è partito in maniera equilibrata, nella prima ripresa è Pensa che prende l’iniziativa cogliendo Ganino di sorpresa con i suoi diretti destri. Nella terza ripresa aumenta il vantaggio per Ganino, Pensa soffre anche una fastidiosa emorragia al naso. Nella quarta il pugile allievo del maestro Piatti continua a subire ma si toglie la soddisfazione di portare un gancio sinistro che mette al tappeto il suo avversario, ma non è sufficiente per evitare la vittoria di Ganino ai punti.

Si prosegue con l’incontro tra i pesi medi della categoria cadetti Lorenzo Ferri della S.S. Lazio Pugilato e Daniele De Napoli della A.S. Roma Tricolore.
La prima ripresa va nettamente a Ferri che imposta in maniera proficua la sua Boxe con una serie di diretti che De Napoli incassa senza saper organizzare ne una difesa ne un contrattacco. Il match dominato dal pugile della S.S. Lazio è quindi vinto dall’allievo di Adinolfi.

Nel terzo match incrociano i guantoni il vicecampione italiano dei s.welter, Adriano Cardarello della Boxe S. Basilio, e Roberto Liberati della A.S. Boxe Foligno.
Cardarello supera in centimetri il suo avversario e nella prima ripresa cerca di tenere a bada il suo avversario che però più volte entra nella sua difesa lavorandolo ai fianchi. Nella terza ripresa Cardarello prende nettamente in mano le redini del match, sfruttando sia la sua altezza, che la stanchezza dell’avversario, portando belle combinazioni di diretto destro e gancio sinistro sullo spostamento indietro che Liberati accusa non poco. Il match è vinto ai punti dal pugile romano.

La “maratona pugilistica” prosegue con il match tra Fabrizio Ferrera della Boxe S. Basilio e Alessandro D’Amaro della Pugilistica Centocelle, due pesi welter III categoria. Ferrera parte arrembante portando una serie infinita di diretti che colgono di sorpresa D’Amaro che troverà le contro misure solo nella terza ripresa. La quarta ripresa molto intensa è anche molto equilibrata, i due pugili hanno dimostrato una buona tenacia, ma una boxe poco varia. Vince Ferrera ai punti.

I “duelli al guantone” sono proseguiti con l’incontro tra le due seniores di I categoria, Francesca Giordano della Lupa Boxe e Milena Tronto della Boxe Biagini Rimini. Match avvincente le atlete non si sono risparmiate, nella prima ripresa è Giordano che porta l’offensiva picchiando “a due mani” trovando delle buone combinazioni di montanti e ganci solo sul finire della ripresa Tronto trova in parte le contromisure. Nella seconda ripresa purtroppo Giordano è costretta al cambio del caschetto, perdendo in parte la concentrazione ed è quindi Tronto che riesce a portare a segno diversi ganci sinistri. L’incontro termina in parità.

Nel sesto incontro si sono affrontati Roberto Barnaba della Pugilistica Centocelle e Federico Tavares della A.S. Roma Tricolore, s.welter I categoria. Dopo un inizio interessante di Tavares nella prima e nella seconda ripresa è Barnaba che prende il predominio dell’incontro soprattutto nella quarta ripresa in cui il pugile della Roma Tricolore accusa decisamente la stanchezza. Vince Barnaba.

Nel settimo incontro, medi II categoria, Stefano De Angelis della Pugilistica Di Giacomo perde per squalifica al terzo round dopo un palese tentativo di colpire con una testata il suo avversario Cristiano Pasquini della Associazione Pre Boxe.

Anche l’ottavo match finisce prima del limite ma per motivi diversi, infatti, il pugile Valerio Mendoli della Lupa Boxe è costretto al ritiro per infortunio alla spalla destra, concedendo la vittoria a Patrizio Saralli della Associazione Dublaboxe.

Simone Califano, della Lupa Boxe, è stato invece il protagonista assoluto del nono incontro, sfortunato contendente è stato questa volta il pur valido Agim Hamzi della Pugilistica Di Giacomo. Il match terminato alla terza ripresa per interruzione dell’arbitro ha visto Califano protagonista sin dalla prima ripresa. Hamzi ha accettato più volte lo scambio con l’allievo di Piatti ma la serie interminabile di montanti al corpo che Califano ha piazzato lo ha letteralmente lasciato senza fiato ne lucidità, tanto che spesso è letteralmente cascato sui colpi. La Boxe di Califano merita sicuramente di arrivare su palcoscenici più blasonati, e sicuramente il pugilato italiano può dire di aver trovato un altro campione.

La serata si è conclusa con l’incontro tra due medio massimi III categoria, Emiliano Di Nicola della Ass. Boxe Kobra Gym e Claudio Olivieri, match vinto da Di Nicola ai punti soprattutto per quanto fatto nell’ultimo round.

Risultati:

Juniores-medi Ganino (Body&Kick) b. Pensa (Lupa Boxe); Ferri (S.S. Lazio Pugilato) b. De Napoli (Roma Tricolore);

Seniores-Gallo: Giordano (Lupa Boxe) e Tronto (Bigini Rimini) pari. Leggeri: Califano (Lupa Boxe) b. Hamzi (Di Giacomo); Welter: Ferrera (S. Basilio) b. D’Amaro (Centocelle); Superwelter: araba (Centocelle) b. Tavares (Roma Tricolore); Cardarello (S. Basilio) b. Liberati (Boxe Foligno); Medi: Pasquini (Preboxe) b. De Angelis (Di Giacomo) per squal 3; Saralli (Dublaboxe) b. Mendoli (Lupa Boxe); Medio Massimi: Di Nicola (Kobra Gym) b. Olivieri (DublaBoxe).

Arbitri: Casentini, Montanini, Bianco, Tarallo, Valeri.
Medico: Dott. Martino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti