In 150 mila per la 21ma edizione della Race of the Cure di Roma

Gli utenti hanno inondato i social di Komen Italia e i canali che hanno trasmesso la grande maratona live, di domenica 17 maggio
Aldo Zaino - 19 Maggio 2020

Roma, 17 maggio 2020 – 150.000 utenti hanno inondato i social di Komen Italia e i canali che hanno trasmesso la grande maratona live, di domenica 17 maggio, giorno programmato per la 21ma edizione della Race di Roma.

L’atteso appuntamento con la Race for the Cure, la più importante manifestazione per la prevenzione e la lotta ai tumori del seno in Italia e nel mondo, rinviato a causa della pandemia, si è trasformato in una grande staffetta live su @komenitalia ewww.komen.it iniziata con l’anteprima delle ore 9.00, “Aspettando la Race” e proseguita a partire dalle 15.00  con la “Race Live”, condotta dalla giornalista Olivia Tassara dagli studi DIRE, insieme alle madrine Maria Grazia Cucinotta e Rosanna Banfi.

Ad aprire la grande staffetta della solidarietà, dopo il consueto incipit con l’inno nazionale, il messaggio del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del Ministro della Salute Roberto Speranza e del Prof. Riccardo Masetti, Presidente di Komen Italia.

Laboratorio Analisi Lepetit

Desidero rivolgere un saluto alle amiche e agli amici di Race For The Cure – dichiara il Premier Conte –  ringraziarli per essere riusciti a dar vita anche quest’anno a questo importante appuntamento nonostante le condizioni di difficoltà e di eccezionalità dovute all’emergenza Coronavirus. Sarà una maratona virtuale dunque ma non per questo meno sentita, meno appassionata. Non possiamo abbassare la guardia, la corsa per la cura contro i tumori al seno non può fermarsi. Questo difficile momento che stiamo vivendo ci ha fatto ancora di più toccare con mano quanto siano importanti la ricerca, la prevenzione e insieme abbiamo sperimentato anche il valore e la forza della solidarietà. Ognuno di noi può fare la differenza. Questa malattia colpisce ogni anno due milioni di donne nel mondo, non vanno lasciate sole in questa battaglia. Voglio perciò approfittare di questa occasione per rivolgere anche io un appello molto sentito a tutte le cittadine, a tutti i cittadini: aiutiamo Race for the Cure aiutiamo la ricerca, con il contributo di ciascuno di noi possiamo vincere insieme questa sfida”.

Il Ministro della Salute Roberto Speranza: “Quest’anno la Race for The Cure arriva in un momento particolare della vita del nostro PaeseAbbiamo vissuto settimane molto difficili con l’emergenza sanitaria del Coronavirus ma oggi è una cosa bella che ci si possa incontrare anche se in questo modo virtuale per porre l’attenzione su un tema che è stato, è e sarà sempre decisivo come quello della lotta contro i tumori e della prevenzione a tutela soprattutto della salute delle donne. Io penso che questa sia una sfida del nostro servizio sanitario nazionale. In queste settimane tutti hanno capito ancora di più quanto conta avere un servizio sanitario nazionale di qualità, capace di rispondere ai problemi delle persone, capace di aiutare le persone a curarsi com’è giusto che sia. Voglio dare un abbraccio ed un ringraziamento a tutte le persone che hanno voluto attivare questa iniziativa, a Komen Italia, a tutti i volontari e le volontarie che lavorano ogni giorno al servizio di questo disegno. Io penso che la lotta contro i tumori sia esattamente la priorità per i prossimi mesi. Grazie per aver voluto essere resistenti, scegliendo nonostante il Coronavirus, di non abbandonare questa bella iniziativa che è la Race for The Cure ma di svolgerla anche se in modo virtuale. Io penso che così tutti insieme sapremo essere più forti e dare risposte ai problemi dei nostri cittadini”.

Nel corso della  maratona di solidarietà si sono alternati gli interventi del Presidente onorario della Komen Italia Aurelio de Laurentiis, dell’Ambasciatore della Race di Roma Carlo Verdone, dei rappresentanti delle Istituzioni da sempre vicini alla Komen Italia (tra cui il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, la sindaca di Roma Virginia Raggi, il Presidente dell’ANCI Antonio De Caro), del direttore generale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS Dott. Marco Elefanti e dei tanti amici che nel corso di 20 anni hanno aiutato in modi diversi a far crescere la Race.

Nel corso della diretta un importante spazio è stato dedicato al confronto tra i medici e le donne in rosa, donne che convivono con la malattia o l’hanno sconfitta.

La sindaca Virginia Raggi ha dichiarato che il Comune di Roma donerà un’unità mobile che si aggiungerà alla Carovana della Prevenzione, impegnata a realizzare gli screening nei luoghi in cui la prevenzione arriva con più difficoltà, come le periferie cittadine.

Il Presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti: “Anche in questo periodo di emergenza sanitaria legata al Covid–19, bisogna dimostrare responsabilità e coraggio che vuol dire da domani fare gli screening perché questo salva la vita, con la collaborazione di tutti cominceremo a ripartire nel giro di poche settimane”.

Durante la maratona live sono stati raccolti oltre 425.000 euro grazie alle donazioni dei sostenitori e dei Partner da destinare ai progetti dell’Associazione: “la Race ha fatto un altro grande miracolo –  dichiara il Professor Riccardo Masetti, Direttore del Centro di Senologia della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS e Presidente della Komen Italia –  riunire tante persone che ci hanno seguito in rete e tanti amici della Komen Italia che hanno partecipato come protagonisti, avvicendandosi in questa diretta.

 I tumori del seno continuano la loro insidiosa corsa anche durante la pandemia. Nei prossimi 12 mesi, oltre 2 milioni di donne nel mondo riceveranno questa diagnosi e più di 600.000 perderanno la loro vita per questa malattia. Non possiamo quindi distrarci o rassegnarci al “distanziamento” che il virus ha imposto anche nelle cure oncologiche e nelle normali strategie di prevenzione. Ci riabbracceremo l’anno prossimo al Circo Massimo, questo è il mio augurio”.

In 20 anni, le Race for the Cure hanno dato un grande contributo alla lotta ai tumori del seno. Grazie alle 56 Race organizzate in 7 città italiane e alla generosità di oltre 1 milione di iscritti e delle aziende che hanno partecipato, la Komen Italia ha potuto investire oltre 18 milioni di euro a sostegno della ricerca, della prevenzione e del miglioramento delle cure oncologiche.

La pandemia, oltre alla Race di Roma, costringerà quest’anno a rinviare anche gli appuntamenti di Bari, Bologna, Brescia, Pescara, Matera e Napoli mettendo a rischio il completamento dei tanti progetti dell’Associazione a tutela della salute femminile.

La Race Live è solo il primo di tanti appuntamenti per tenere alta l’attenzione sui tumori del seno. Un’altra grande iniziativa si terrà a fine settembre con la Race Virtuale, nella quale oltre 20 Paesi europei riuniranno in contemporanea le forze per la stessa causa.

Sarà inoltre possibile continuare ad effettuare una donazione libera o scegliere tra i gadget della capsule collection dedicata alla Race, iscriversi alla Race Virtuale del 25, 26 e 27 settembre e ricevere la maglia ufficiale sul sito www.komen.it.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti