Internet nel Lazio: come cambiano le abitudini degli abitanti della regione

Sopra la media per accesso alla banda larga. Cosa facciamo su internet
Redazione - 2 Aprile 2020

Non c’è dubbio che, visto tutto quello che sta accadendo, il 2020 sarà un anno record per l’uso di internet. Con la maggior parte delle persone chiuse in casa e moltissime che lavorano da casa in smartworking, l’uso personale e domestico della rete raggiungerà probabilmente volumi mai visti.

Non abbiamo ancora i dati per discutere di questo, ma sono di recente usciti quelli che riguardano il 2019, che comunque nell’utilizzo della rete si è dimostrato un anno notevole, in particolare per gli abitanti del Lazio.

Vediamo a quali conclusioni ci permettono di giungere tali dati.

Fresco Market
Fresco Market

Lazio sopra la media per accesso alla banda larga

Come dimostrano le statistiche pubblicate dall’Istat, la regione Lazio è sopra la media italiana per quanto riguarda l’accesso alla banda larga. Questo sta ad indicare la presenza nella regione di infrastrutture capillari che garantiscono una connettività diffusa. Ma andiamo nel dettaglio.

Se la media italiana infatti si assesta al 74,7% delle famiglie raggiunte dalla banda larga (cosa che però non significa che abbiano effettivamente attivato un abbonamento ADSL o fibra, attenzione), nel Lazio questo dato arriva a 79,2%. Fa meglio solo il Trentino (al 79,4%), mentre il Veneto ha lo stesso valore (79,2%).

Il dato del Lazio è in notevole crescita rispetto al 75,8% del 2018, a dimostrazione del fatto che in regione le nuove infrastrutture aumentano in modo molto rapido.
Bisogna purtroppo notare che sono soprattutto le regioni del Nord e del Centro ad avere un’ampia diffusione della banda larga, mentre quelle del sud rimangono più indietro.

La regione è sopra la media anche nel secondo dato pubblicato dall’Istat, quello degli individui che hanno utilizzato internet nei 3 mesi precedenti al momento della rilevazione. Mentre la media italiana è molto bassa (il 67,9%), il dato del Lazio è del 70,9%. Superato da Lombardia, Trentino, Toscana ed Emilia Romagna, ma molto avanti rispetto ad alcune regioni del sud che superano a malapena il 60% o sono addirittura sotto (come la Puglia, al 59,7%). Anche in questo caso il dato cresce rispetto al 68,4% del 2018.

Cosa fanno gli abitanti del Lazio su internet?

Dunque, quali sono le attività preferite dagli abitanti della regione su internet?
La prima è certamente l’uso dei social media come Facebook, Instagram, Twitter (e la novità del momento: Tik Tok) e di servizi di chat in tempo reale, come Messenger, Whatsapp, Telegram, ecc, che hanno ormai di fatto sostituito i vecchi SMS.
Seguono poi l’informazione e la fruizione di video.

Ormai quasi ovunque in Italia la rete è la seconda fonte di informazione dopo la tv, e le piattaforme di video sia gratuite che a pagamento (da Youtube a Netflix) rappresentano per i giovani soprattutto il principale strumento con cui guardano film, serie tv e altre tipologie di contenuto.
Ma la rete è uno strumento sempre più popolare anche per quanto riguarda gli acquisti online. Sempre più italiani, inclusi gli abitanti del Lazio, comprano su internet. Si acquistano tecnologia e servizi (come viaggi, prenotazioni alberghiere, ecc), ma anche beni di uso più comune, come abbigliamento o alimentari.

Internet, tuttavia, è anche usata per l’intrattenimento e in particolare per i giochi.
Nella regione, così come in tutto il paese, sono diffuse varie tipologie di attività ludiche via web. Una molto popolare è il gioco d’azzardo, in particolare i casinò online.
I giochi più popolari all’interno di questa vasta categoria sono le slot, ma va molto forte anche il gioco della roulette online, che sta conoscendo una diffusione senza precedenti grazie proprio alla rete.

Il Lazio si dimostra insomma una regione che usa molto volentieri le opportunità offerte dalla rete e che è dotata di infrastrutture di ultima generazione, che permettono ai suoi abitanti di approfittare al meglio dei vantaggi della connessione veloce.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti