Categorie: Bici Feste e Sagre
Municipi: | Quartiere:

La Befana vien di notte? No, di giorno. A Colli Aniene

Sabato 6 gennaio: ore 10:30 partenza in bici da Parco Tozzetti. Ore 12:30/20 street food e giochi al Parco Tiburtino III

“Scende dal tetto, passa nel camino, prende la bici e lascia il regalo nel calzino”. È con queste parole che l’associazione “I nostri figli al centro della sQuola” annuncia l’evento Pedalata con la Befana di Colli Aniene sostenuto da tante associazioni territoriali.

Il 6 gennaio 2024 torna a Colli Aniene la terza edizione di questo evento che tenterà di sensibilizzare il tema della mobilità dolce e alternativa. Il programma prevede:

Sabato 6 gennaio: ore 10:30 partenza in bici da Parco Tozzetti. Ore 12:30/20 street food e giochi al Parco Tiburtino III.
Animazione: Befana che regala dolci, Truccabimbi, Teatro con marionette, pony e giochi
Punti ristoro: truck food panzerotti e pizze fritte, arrosticini, patate fritte e zucchero filato
Mercatino: prodotti di abbigliamento, accessori vintage, collezionismo, libri usati

Ci saranno sorprese per tutti i bambini e tanto divertimento. Questo sarà il terzo anno consecutivo che vedrà impegnata in prima linea l’associazione “I nostri figli al centro della sQuola” promotori dell’evento ecologico. Un modo alternativo per festeggiare l’Epifania. Siete tutti invitati, in bici, monopattino, pattini e tutti i mezzi ecosostenibili.

“Pedala, pedala che viene la Befana!”

I nostri figli al centro della sQuola è un’associazione di genitori volontari, nata nel 2007 a Colli Aniene, con un forte senso civico senza alcuna finalità di lucro. Il loro obiettivo è tutelare, preservare e migliorare la vita scolastica dei figli. Collaborano con gli organi scolastici, le istituzioni e altre associazioni o comitati di quartiere. La “Q” del nome, non è un errore ortografico, ma sta ad indicare la Qualità che desiderano trovare nelle scuole frequentate dai figli e che contribuiscono a migliorare con l’impegno gratuito.

“La scuola è un Bene Comune – comunica l’associazione dal proprio sito – e noi la sogniamo bella, perché i nostri figli hanno il diritto di trascorrere il loro tempo in una scuola curata e di qualità. La sogniamo aperta, perché luogo di integrazione e partecipazione. Per noi è cuore e identità del quartiere e la sogniamo attiva e accessibile.”

La CASA di Cose da Bagno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati