Categorie: Cronaca
Municipi: ,

Quadraro, dal tubo rotto un “geyser” alto 5 metri: abitanti senz’acqua

Un getto d’acqua di 5 metri ha iniziato a zampillare dal cratere di otto metri che si è aperto poco più di un mese fa in via Sestio Menas - IL VIDEO

Non c’è pace per gli abitanti di via Sestio Menas, al Quadraro. Dopo la maxi-voragine ora la mega-fontana zampillante. A un mese dal disastroso buco nel terreno della strada, nella mattinata odierna di Giovedì 2 Maggio 2024 è iniziata a sgorgare un’enorme quantità d’acqua.

Il getto, molto potente, di circa cinque metri ha cominciato a sgorgare alle 13 e ha causato ulteriori cedimenti dell’asfalto. Sul posto le squadre dei vigili del V e VII Gruppo, pompieri e tecnici di Acea che stanno tentando di chiudere l’acqua per poi intervenire sul guasto.

Foto Welcome to Favelas

Le case intorno alla strada collassata sono senz’acqua dai rubinetti. «Stiamo monitorando la situazione, sono al lavoro le squadre di Acea che stanno lentamente riducendo l’acqua dalla tubatura per poi procedere con le eventuali riparazioni» ha riassunto il presidente del V Municipio Mauro Caliste.

Al momento, secondo le prime indiscrezioni della polizia locale, non ci sarebbe bisogno di evacuare i residenti della via ma la situazione è in divenire. In base alle prime ricostruzioni Acea non aveva ancora finito di riparare del tutto e in via definitiva i guasti alla conduttura dell’acqua che avevano portato alla voragine del 27 Marzo 2024 anche se il tubo era stato riparato temporaneamente per consentire il passaggio dell’acqua.

La voragine era stata transennata e messa in sicurezza dagli agenti di polizia locale, in attesa di concludere gli interventi finali di riparazione, ma oggi la conduttura si è nuovamente rotta.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Welcome to Favelas (@welcometofavelas_4k)


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati