Municipi: | Quartiere:

Stranezze in città, anche l’edicola di Massimiliano ha chiuso, in via Molfetta, al Quarticciolo

La mia camminata turistica, in una giornata primaverile ma con pioggia

Le edicole di giornali stanno chiudendo quasi tutte, quindi l’edicola di Massimiliano a via Molfetta non è un’eccezione. La chiusura del chiosco dei giornali in via Molfetta al Quarticciolo però ci priva di un sorriso, un aiuto, un’informazione, un gesto gentile da poter ricambiare.

Ci porta via soprattutto il lato umano, perché il chiosco chiuso rimarrà al suo posto, non sarà rimosso come le vecchie cabine telefoniche e suoi grossi telefoni a gettone. 

Purtroppo stanno lentamente chiudendo anche molti altri negozi di  vicinato: cartolai, ferramenta, gallerie d’arte, alimentari, tabaccai. 

Prima dell’edicola di Massimiliano, aveva chiuso un rivenditore di tabacchi al civico 7 di via Molfetta, successivamente aveva chiuso l’alimentari “Loreti” in via Molfetta 22,  che è sul marciapiedi di fronte all’edicola.

Le tre chiusure di attività sono le mie “stranezze in città” di oggi, visto che erano  esercizi commerciali ubicati in una specie di piazzetta, che non è una piazzetta, in un luogo dove resiste ancora l’identità di un quartiere: Quarticciolo.

Le piccole attività commerciali dovrebbero essere protette in modo adeguato, essendo molto utili per il territorio, per le altre piccole attività artigianali, per le famiglie dei residenti. Abbiamo sperimentato la loro utilità nel periodo del Covid, ma ce ne siamo dimenticati.

Gli esercenti sul territorio sono il buongiorno e il buonasera per i superstiti del quotidiano, che sono le persone, soprattutto anziani, che non hanno dimestichezza con la velocità e la comodità di Internet.

C’è chi dice che non sono “moderno”, che non guardo al futuro. 

Io, che giro i quartieri di Roma alla ricerca dei piccoli e vecchi negozi, rispondo che non sono vecchio, sono solo “vintage”, e poi ne riparleremo quando la desertificazione sarà più radicale e le nostre strade saranno magari frequentate da bande impunite di minorenni.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙
Se riscontri problemi con la donazione libera contattaci: e-mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati