Taxisafe e pannelli in plexiglass a tutela di taxisti e negozianti

Le aziende italiane si reinventano per superare l'attuale crisi
Redazione - 1 Aprile 2020

Giorgio Viscione, è un giovane imprenditore romano, quarantenne titolare della Nuova Giga Print – una azienda con quattro dipendenti, il cui core business è allestimenti pubblicitari. Dopo la prima chiusura delle “Attività non essenziali” stabilita dal Governo hanno deciso di trasformarsi e reinventarsi velocemente.

“Tutto ciò che è stato definito non essenziale per lo Stato, – afferma Giorgio Viscione – in realtà lo è per tutti i datori di lavori e i dipendenti, che in pochissimo tempo si sono trovati senza stipendio. Pertanto, invece di subire passivamente l’inevitabile e inesorabile chiusura, abbiamo cercato di capire quali avrebbero potuto essere gli articoli e i prodotti utili ed essenziali durante l’epoca del Corona Virus.”

Per questo motivo pur rimanendo legati ad uno dei loro core business, hanno studiato un sistema, da loro battezzato #TAXISAFE, che potesse consentire ai conducenti dei Taxi, di NCC di lavorare rimanendo protetti. Sia per le auto, per i pulmini che per i pullman.

Fresco Market
Fresco Market

Realizzano ed installano una protezione in PVC trasparente che isola i sedili anteriori da quelli posteriori e che consente comunque di interagire con il cliente per il pagamento della corsa, tramite una tasca creata appositamente nella parte bassa del telo e chiusa ermeticamente da entrambe le parti.

Per tutte le altre attività essenziali, che possono rimanere operative invece, hanno messo a punto dei pannelli in Plexiglass trasparente autoportanti da poter poggiare sui banconi, che possono consentire a clienti e dipendenti, di rimanere protetti durante la normale attività lavorativa. La completa trasparenza del materiale scelto conserva e tutela il rapporto fornitore-cliente, inoltre il prodotto è discreto e non invasivo e non pone alcuna barriera visiva.

Tutti strumenti, a tutela di coloro che sono esposti con le loro attività a rischio di contagio.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti