Adrian’s Casa del Gelato dal 1987 a Colli Aniene. Delizie Artigianali

Pasticceria, gelateria e caffetteria di qualità in viale Ettore Franceschini 75/79
Vincenzo Luciani - 24 Maggio 2021

Questa intervista è stata realizzata afferrando al volo l’occasione in una pausa di lavoro dell’indaffaratissimo Adriano Spaghetti davanti alla sua Adrian’s Casa del Gelato di Colli Aniene, con tanti clienti in fila per degustarne le prelibatezze.

Quando ha avuto inizio l’attività?

La Adrian’s Casa del Gelato ha operato fin dal 1970 dapprima in v. Emanuele Filiberto 187 all’Esquilino. Ho intrapreso lavoro di pasticceria e gelateria fin da sempre, iniziando con mio padre, rinomato chef, che mi ha trasmesso la passione che lega la nostra famiglia all’arte del gelato.

Quando avete iniziato ad operare a Colli Aniene?

Il 10 giugno 1987, qui in viale Ettore Franceschini, 75/79. Non c’era il dehors, ma fin da allora ci siamo fatti apprezzare come pasticceria, gelateria e caffetteria, incontrando il favore della nostra clientela con la nostra produzione esclusivamente artigianale e che si ispira alle antiche ricette della nonna.

Come è stato il primo impatto?

Il primo anno abbiamo aperto a luglio ed il successo è stato immediato e il nostro esercizio da allora è diventato meta fissa nella passeggiata serale di molte famiglie in fila per degustare i nostri prodotti.

Con clientela quindi soprattutto del quartiere?

Adotta Abitare A

Prima abbiamo puntato sulla clientela solo del quartiere e successivamente abbiamo ampliato il nostro raggio di azione su una clientela anche esterna. Abbiamo lavorato moltissimo registrando una forte crescita fino al 2016. Poi dal 2018 il nostro lavoro si è stabilizzato.

E con il Covid?

Abbiamo lottato e stiamo combattendo in questo periodo di pandemia, che speriamo presto di lasciarci alle spalle, soprattutto con la caffetteria e con l’asporto che è stato potenziato. E dal da 4 maggio riceviamo ordini e facciamo consegne a domicilio.

Quali sono i vostri punti di forza?

Naturalmente: gelato, torte, prodotti di pasticceria, di caffetteria, di semifreddi, di yogurteria e gelati da asporto. Un’attenzione particolare allo yogurt di nostra produzione, fatto con la pastorizzazione del latte intero fresco e con la fermentazione di fermenti vivi dentro macchinari automatici asettici. Abbiamo intrapreso anche la campagna: “Da Adrian’s a Ferragosto con il gelato”. Ovunque tu vai, confezioni asporto con ghiaccio secco per diverse ore di mantenimento.

Quali le regioni del vostro successo?

La conservazione della tradizione artigiana della nostra famiglia e poi la continua innovazione con prodotti nuovi e con un assortimento nei gelati dai mille gusti, da quelli tradizionali (limone, fragola, ananas, albicocca, banana, lampone, mora, mirtillo, pesca, cocco, ecc.) allo zenzero lime, al cioccolato-arancio, al mon-cherì (gelato alcolico), al cioccolatino-peperoncino , a quello fondente extra Bitter  al pistacchio iraniano, a quello mandorlato, cassata siciliana, crema Adrian’s, zabaione marsalato, ai variegati frutti bosco, amarena, fragola ecc..

Per quanto riguarda le torte si va dalla Mimosa, alla cioccolosa, frutti bosco, limone, pistacchio, gianduia, tiramisù, fragolosa a quelle su ordinazione (2 giorni prima): millefoglie, sbriciolata, saint-honoré, zuppa inglese, profiterol. Infine, novità molto apprezzata dalla clientela: Torte con disegni personalizzate, di cui sono l’inventore con brevetto esclusivo depositato.

Come sono cambiati i gusti e i comportamenti della clientela?

Sono cambiati tantissimo e noi siamo sempre stati molto attenti nel soddisfarli e addirittura nel prevenirli e nel proporre novità di nostra ideazione. Quando un cliente ha provato il nostro reparto bar, non ci lascia più, attratto dai cornetti artigianali di nostra produzione anche con creme e marmellate di produzione propria e qualità indiscutibile, il tutto accompagnato da un ottimo cappuccino con caffè Illy e con una pasticceria/gelateria sempre al top! Insomma nonostante tutte le difficoltà, lavoriamo per offrire al cliente un prodotto di alta qualità. E i clienti se apprezzano poi ritornano, come di fatto succede sempre.

E sul quartiere cosa può dirci?

Colli Aniene purtroppo in questi anni è andato invecchiando. I giovani hanno messo su famiglia e sono andati a vivere altrove, ma in questi ultimi tempi stanno tornando nel quartiere e quindi assistiamo al ritorno di famiglie giovani. Per quanto riguarda i servizi, il nostro è un quartiere sufficientemente attrezzato. Manca una manutenzione soprattutto nelle strade, moto deteriorate e che si allagano ad ogni temporale. Ci vorrebbe un intervento serio che non si limita a fare degli inutili rattoppi. infine mi piacerebbe un quartiere più vivace, con più iniziative di richiamo come ad esempio l’Arte nel Portico e Bentornata Primavera.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti