Altaroma tra giochi lunari e musica rock

Al via l’edizione dedicata ad A/I 2012-2013. Sarli brilla sul ponte della Musica sulle note dei Pink Floyd. Bianca Balti madrina della kermesse e una cinque giorni dove tutto ciò che fa moda si scalda al sole della città eterna
di Eleonora Cianfrini - 7 Luglio 2012

Anche quest’anno l’estate romana si tinge di glamour con l’avvio in grande stile della cinque giorni, dal 7 all’11 luglio 2012, dedicata all’alta moda capitolina. Moltissime conferme tra le maisons che da sempre calcano le passerelle di Altaroma, a cominiciare dagli immancabili nomi di Sarli, Balestra, Curiel e le rivelazioni degli ultimi anni tra cui Giada Curti, che ormai da tre edizioni sa stupire con quel difficile connubio tra moda e sociale che l’ha portata a toccare i tasti più delicati dalla violenza sulle donne all’omofobia.
Jamal Taslaq, Tony Ward, Gianni Molaro e Abed Mahfouz tra i grandi confermati della settimana d’alta moda romana che si svolgerà come al solito tra la location tradizionale, il complesso monumentale di Santo Spirito in Sassia, e altre cornici iperesclusive disseminate nei punti più preziosi della città. Delfrance Ribeiro sarà una delle attese new entry dell’evento ormai alla sua 21° edizione e al terzo anno di regno della presidentessa Silvia Venturini Fendi.
La kermesse modaiola è stata l’occasione anche quest’anno per l’inaugurazione di una mostra, dopo le splendide donne di “Todo o Nada” di Testino, quest’anno è la volta di una donna che è insieme top-model tra le più ricercate e donna tra le più apprezzate nel mondo dello spettacolo. La mostra curata da Stefano Dominella dal titolo “Bianca Balti. Immagini di una favola di moda” sarà in programma fino al prossimo 2 settembre presso il Museo Mercati di Traiano.

Il protagonista della prima serata, colui a cui è andato come sempre l’onere e l’onore di aprire le danze, pardon, le passerelle è Carlo Alberto Terranova, prima firma del compianto Fausto Sarli.
La maison ha incantato la platea nella candida e ultramoderna scenografia del Ponte della Musica dove sulle note pinkfloydiane di Dark Side of The Moon sono stati presentati i 33 outifit per il prossimo autunno/inverno. La donna di Sarli è una donna lunare dal piglio rock anni Settanta, gli abiti sono scolpiti nelle geometrie che da sempre sono la firma del grande coutourier. Una staffetta tra passato e futuro disegnata in un crescendo di colori e nuances dal blu cobalto, al viola, al rosso, fino all’argento e il nero assoluto. Bianco poi come nella più vera tradizione Sarli. Una sfilata che non onora proprio questa tradizione, dell’abito da sposa per cui la maison è famosa, ma propone uno scintillio di abiti da red carpet, dal minidress con strascico luccicante al lungo da sera ricamato con cascate di cristalli Swarovski e frange di vetro. Un climax di sperimentazioni che strizza l’occhio all’eccesso delle volumetrie adombrando quello stile minimalista che era proprio del maestro. Volumi leggeri, trame preziose, la donna Sarli è una donna romantica nella morbidezza delle forme eppure rock nelle borchie asimmetriche e nei fasci di tessuto plissettato, retrò ma assolutamente glamourous. E alla fine, attesissimo e meraviglioso, arriva anche l’abito da sposa. Una costruzione di ventagli di organza, composti o scomposti che creano giochi di luce, gli stessi del prisma iridescente della copertina, appunto, di Dark Side of the Moon, a cui Terranova spiega di essersi ispirato.

Per oggi sono previsti i defilés di Molaro e Curiel mentre tra le iniziative collaterali che fanno da sfondo alla kermesse vanno ricordate A.I. Fair, la fiera degli artigiani, Room Service, collezioni esclusive da guardare e portare a casa. Last but not least, Who’s on Next? il concorso capitolino per la ricerca dei nuovi talenti, e la sfilata dell’Accademia Koefia.

Nelle foto due creazioni di Sarli

AltaRoma porta acqua, neve e foglie d’autunno nella città rovente
Ispirazioni paesaggistiche e sottomarine per le passerelle del week-end romano. Da Curiel a Taslaq passando per le innovative creazioni di Molaro, tutto ciò che fa moda nella Capitale


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti