Farmacia Federico consegna medicine

Autostrade dei Parchi Spa vuole il pedaggio sul tratto urbano della A-24

Nanni: Presenteremo una mozione per opporci. Sarebbe una rivoluzione, con pagamento del pedaggio direttamente su fattura mensile
Enzo Luciani - 17 Ottobre 2013

Mercoledi 16 ottobre 2013 in Campidoglio durante una riunione della commissione Lavori Pubblici, il direttore generale di Autostrade dei Parchi Spa, l’ingegnere Igino Lai, ha annunciato la volontà da parte della società di installare entro il 2014 dei varchi elettronici a tutte le uscite del tratto urbano dell’A24 (Verano, Portonaccio, Fiorentini, Togliatti, Tor Cervara e Gra) e anche coloro che attualmente non pagano dovranno farlo.

Dario Nanni

Dario Nanni

Nanni ha concluso la riunione annunciando che sarà presentata una mozione in Assemblea Capitolina per impegnare il Comune di Roma a sobbarcarsi i costi necessari per evitare l’introduzione del pedaggio con l’augurio che la mozione venga approvata all’unanimità.
Nell’atto sarà anche chiesta la soppressione del pedaggio in vigore alle uscite di Settecamini, Ponte di Nona e Lunghezza.

Come dovrebbe funzionare il pagamento?

La tariffa sarà probabilmente di 6 centesimi al km, le uscite saranno dotate di un sistema simile ai varchi della Ztl che rileverà targa e Telepass.

L’impianto si chiama «Targa Pass» e a fine mese invierà presso l’abitazione dell’automobilista una fattura complessiva.

“E’ un sistema – ha spiegato Lai – già in funzione in altri Paesi europei e che a quanto mi risulta era stato pensato anche per il Gra, prima che il Comune di Roma riuscisse ad ottenere la sospensione rispetto alla legge nazionale, alla quale tra l’altro ci stiamo adeguando».

Alcune questioni ci rimangono poco chiare. La privacy ad esempio, con mariti a spiegare il perché di un eventuale passaggio sulla tangenziale in un giorno dove si era detto di essere da tutt’altra parte.

Adotta Abitare A

Le spese di spedizione della fattura saranno a carico del cliente? Ci sarà un importo minimo da raggiungere prima di ricevere la fattura?
Perché si potrebbe pagare 6 centesimi per aver percorso un breve tratto, ad esempio da Togliatti a Fiorentini, e 70 centesimi di spedizione postale e 1.30 per pagare poi il bollettino.


Commenti

  Commenti: 3


  1. Bene, così alla Rustica dopo tre anni di cantieri e traffico triplicato tra auto e mezzi pesanti, ora che finalmente apriranno le rampe di tor cervara da e per il gra, non cambierà nulla perché la gente per non pagare continuerà a percorrere le strade del quartiere. Complimenti…


  2. Se non ricordo male, le complanari furono presentate proprio come la soluzione per separare il traffico autostradale a pagamento da quello ordinario gratuito. Ora siamo punto e daccapo. Spero proprio che le due strade (complanari e ed autostrada) rimangano separate diversamente non si capirebbe a cosa sia servita quest’ulteriore opera faraonica.


  3. Concordo con i due precedenti commenti. Aggiungo che:
    -1) le stesse conseguenze lamentate per La Rustica si avranno anche per Tor Sapienza. Per entrambi i quartieri le problematiche sono e saranno ancora più gravi per la mancata realizzazione del prolungamento di via Longoni da via Collatina alla A24 con le due fasi previste:
    – la prima fase prevede all’intersezione di via Longoni con via Collatina una rotatoria e un breve tratto di strada (40 metri circa!!!!!!) per collegare la stessa rotatoria con via Filiperto Petiti per poter raggiungere (esternamente all’abiatato) via della Rustica per arrivare a via Costi o alla A24; l’opera è prevista con la realizzazione, nella zona, di residenze e capannnoni per ospitare gli scenari del teatro dell’opera oggi immagazzinati nei capannoni tra la sede del municipio di via Palmiro Togliatti angolo via Prenestina e il Borgo Don Bosco che a loro volta dovrebbero essere dismessi nel piano generale di cui al CENTRO CARNI.
    che fine a fatto? Quanto dobbiamo ancora aspettare!!!., sono passati almeno 11 anni!!!!!. Perché, intanto, senza spettare, slegandoli dall’appalto dei capannoni, non si comincia a fare quei 40 metri di strada molto utile, quantomeno ad alleggerire il transito di passaggio in Piazza De Cupis e via di Tor Cervara a Tor Sapienza e in largo Corelli a La Rustica per i veicoli che si dirigono verso via Tiburtina o a prendere l’ A24 ?;
    – la seconda fase prevede la realizzazione del cavalcavia ferroviario dei 4 binari (TAV e Regionale) che collegherà direttamente la nuova rotatoria descritta con via Costi (per andare in direzione via Tiburtina) e l’A24. Questo progetto, che rientra giustamente nel piano regolatore fatto da VELTRONI è stato inspiegabilmente non fatto durante i lavori TAV da VELTRONI stesso ( scelta sbagliatissima!!!!) ma messo tra le opere di ROMA CAPITALE EMERGENZA TRAFFiCO . E’ successo che VELTRONI , nonostante il tempo a disposizione, non l’ha realizzato (mentre le opere TAV son quasi tutte realizzate, mancando solo l’allargamento di Via Collatina che è pronto (aggiudicazione appalto compreso) per essere realizzato e non si comprende perché!!!.
    Poi ALEMANNO ha addirittura, inspiegabilmente, cancellato l’opera ( avvenne insieme alla cancellazione della ristrutturazione del Parco di Centocelle).
    Caro sindaco MARINO, lo vogliamo rifinanziare? se ciò non avvenisse sarebbe perpetuare la scriteriata cancellazione dell’ opera e quindi trovarsi d’accordo con ALEMANNO!!!. Il che ci appare veramente assurdo!!! ;
    2) Non ricordo che quando il Comune ha fatto l’accordo con ANAS e Autostrada dei Parchi per costruire le Complanari venne prospettata la realizzazione del pedaggio !!! . Qualcuno riesumi l’accordo e ci rassicuri lo stesso NANNI.
    Appare ovvio che ciò che è stato stabilito per il GRA (nessun pedaggio) debba essere valido anche per la complanare!!!! anche perchè le complanari sono state finanziate con oltre 256 milioni, oltre che da Ministero dei Trasporti, ANAS ed Autostrada dei Parchi anche da Regione Lazio, Provincia di Roma e Comune (quindi direttamente dai cittadini) (a differenza del GRA fatto solo da ANAS) proprio per l’importanza strategica dell’opera per risolvere il quadrante EST cresciuto a dismisura (tor di nona, lunghezza, castelverde, il più grande centro commerciale di Europa!!!,ecc.). L’opera si doveva fare prima delle costruzioni!!!!!!!!!!!!!!!
    A finanziare l’eventuale pedaggio delle complanari ci dovrebbe pensare la Regione Abruzzo , http://www.filtabruzzo.it/filt/_rassegna_dett.asp?ID_notizie=26453.
    Ci ha forse ripensato ?
    Insomma …….NON SCHERZIAMO e che che nessuno si inventi niente!!!!!!!!! .
    Tutte le uscite dal casello di Lunghezza a Roma centro devono essere gratis per i Romani!!!!. Se qualcuno deve pagarlo lo pagassero i nuovi costruttori di Tor di Nona, del centro commerciale,ecc.!!!!!! visto l’enorme affare che hanno fatto!!!!!!!, non certo gli abitanti degli stessi quartieri e tantomeno di quelli di la Rustica e di Tor Sapienza!!!!!!!!! perché quest’ultimi oltre al danno avranno anche la beffa in quanto saranno attraversati ancora di più dal traffico, con la paralisi!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Commenti