Concluso Romics 2011, il festival del fumetto

L'11esima edizione si è chiusa domenica 2 ottobre
di Mariangela Di Serio - 3 Ottobre 2011

Ultimo giorno del Romics 2011. Ieri, domenica 2 ottobre, la kermesse dedicata al fumetto iniziata giovedì 29 settembre è terminata. Quattro giorni intensi, quelli trascorsi alla Nuova Fiera di Roma dove ben quattro padiglioni hanno ospitato centinaia di adulti, ragazzi e bambini accorsi per l’imperdibile evento.

In questa edizione gli organizzatori di Romics hanno superato loro stessi. Oltre alla fitta programmazione di proiezioni legate alle uscite home video, quest’anno l’agenda di Romics si è arricchita di anteprime e di incontri legati alla televisione e al cinema. Tra concerti, esibizioni dal vivo, competizioni e spettacoli, la sala del Pala BCC ha accolto quattro importantissimi appuntamenti: la proiezione di Thor, in occasione dell’uscita in dvd e blu-ray disc del lungometraggio, The Walking Dead, Star Wars-la saga completa, The Pirates!Bands of Misfits e per finire una lunga ed emozionante sequenza tratta dal film John Singleton.

Affollatissimi i numerosi stand con le collezioni dei fumetti narranti le storie dei supereroi più famosi al mondo, come Superman, Spiderman, Batman, Dylan Dog, Diabolik, Iron-man, I fantastici quattro, gli album delle figurine Panini, le avventure dei personaggi della Marvel, i fumetti Manara, i Manga e i tantissimi gudget che hanno attirato il pubblico facendolo ritornare indietro nel tempo.

Non sono mancati gli incontri e le tavole rotonde tra cui il Convegno dell’Università del Fumetto dove si è dibattuto su “Il fumetto popolare: rispetto della tradizione e spinte all’innovazione”, la conferenza: “Yattaman, Calendarmen e la nuova serie in Italia?”, l’incontro con Giulio De Vita, un disegnatore italiano che ha conquistato la Francia, la conferenza “Il Ruggito di RW: i primi programmi di Dc Lion e il prossimo futuro di Goen”. Tra gli eventi ricordiamo “Buon compleanno Dylan Dog” e l’evento dedicato al Giappone “Coraggio Giappone!Coraggio Tohoku”, in presenza dell’ambasciatore del Giappone in Italia.

A confermare il tutto ci ha pensato il Presidente di Fiera Roma, Mauro Mannocchi che nel suo discorso di inaugurazione al Festival ha annunciato: “ E’ con grandissimo piacere che mi accingo a presentare per la prima volta, da quando ho assunto la carica di Presidente di Fiera Roma, questa manifestazione che rappresenta nel nostro calendario espositivo un momento di straordinario successo di pubblico e di riconosciuta qualità organizzativa. In questi anni la rassegna non solo ha confermato il proprio valore, ma con al costante ricerca di nuovi contenuti, ha saputo crescere di edizione in edizione, diventando un evento di richiamo non solo per gli addetti ai lavori, ma anche per il grande e numeroso pubblico di appassionati”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti