La cultura nascosta

In via Alecce torna a vivere l’atelier dello scultore Enrico Castelli e un gruppo di artisti restituisce al pubblico uno spazio fucina di arte e passione
Giovanni Fornaciari - 25 Ottobre 2019

 Gli atelier di Via Pasquale Alecce 25/27 (una traversa della via Prenestina fra Tor Sapienza e Tor Tre Teste) a Roma, aprono al pubblico il 25 e il 26 ottobre dalle ore 15 alle 22, nell’edificio voluto e realizzato nel 1958 dallo scultore Enrico Castelli e dalla famiglia Cannella.

In questi studi si sono succeduti molti artisti tra cui, oltre allo stesso Castelli, Bruno Canova, Domenico Rambelli e molti altri. Negli spazi di Via Alecce è stata inoltre operativa per molto tempo un’importante stamperia d’arte, tradizione ora ripresa dal lavoro grafico di Fabio Meschini al quale si affiancano gli atelier della pittrice Lisa Eleuteri-Serpieri, dei pittori Corrado Delfini, Nino De Luca e Franco Ferrari e dello scultore Reinhard Pfingst.

Nella cornice della Rome Art Week il collettivo di artisti che oggi abita questo luogo così significativo ha deciso di raccogliere il testimone del passato, raccoglierne la memoria e restituirla al pubblico, presentando un excursus della storia del palazzo e di tutti i suoi artisti, arricchendola poi, con tutti gli atelier aperti ai visitatori, dell’esperienza di chi oggi lavora negli stessi spazi e che in un qualche modo sente di dialogare con chi era lì prima in un continuum di ricerca sulla visione che passa il testimone e prosegue il cammino.

Vai all’evento https://www.facebook.com/adiquartieretorsapienza/

 

Giovanni Fornaciari


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti