La più antica Bibbia cristiana è ora in rete

Il Codex Sinaiticus è stato presentato il 6-7 luglio alla British Library Conference Centre
di Franco Leggeri - 9 Luglio 2009

E’ da poco terminato il lavoro lungo e delicato di trasferimento della più antica Bibbia cristiana (che si conosca) dalla pergamena al digitale.
E il 6-7 luglio alla British Library Conference Centre è stato presentato il Codex Sinaiticus.

Il prezioso documento ha circa 1600 anni ed è questo il motivo, più che valido, per metterlo a disposizione di tutti attraverso la rete.

La preziosa Bibbia, del IV secolo d.C., ora può essere consultata da tutti e non vi è più il rischio di rovinare le pagine e le antiche iscrizioni.

Il Codex si compone di tutte le pagine conservate per oltre 150 anni in varie parti del mondo.
Il progetto e la realizzazione è frutto della collaborazione della British Library (Gran Bretagna), del National Library of Russia, del Monastero di Santa Caterina (Egitto) e della Libreria dell’Università di Lipsia (Germania).

Per consultare il Codex basta collegarsi al sito www.codexsinaiticus.org, anche se ad oggi non c’è la traduzione in italiano.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti