La Roma di De Rossi a caccia degli ottavi di Europa League

Roma-Feyenoord: i precedenti e chi è davvero favorito?

Burrascoso, improvviso, a tratti agghiacciante. Questo è stato il divorzio tra la Roma e il suo condottiero Josè Mourinho. Una separazione voluta dalla società a seguito della sconfitta di San Siro contro il Milan per 3-1. Una prestazione neanche tra le peggiori, ma che non è servita ad evitare ciò che, probabilmente, sarebbe stato inevitabile a giugno. L’umore dei romanisti per qualche giorno è stato pressoché unanime: sensazione di smarrimento, di perdita di un amico, forse di un parente, che ha lasciato un vuoto enorme nello spirito giallorosso. 

Eppure, con l’ennesimo colpo di teatro, i Friedkin hanno riportato nella Capitale un figlio di Roma, un capitano vero: Daniele De Rossi. L’ex numero 16 torna a sedersi su una panchina dopo l’esperienza alla SPAL, piuttosto amara. Certo, i precedenti non vogliono dire nulla, anzi sono fatti per essere sovvertiti, come i pronostici. Il compito è arduo, specialmente perché bisogna rialzare una classifica modesta, se si vuole puntare al quarto posto, e perché a breve ci sarà una doppia sfida infuocata contro il Feyenoord. Ormai vista e vissuta come un derby.

Roma-Feyenoord: i precedenti

Certo è che se ci si basa solo ed esclusivamente su ciò che è stato, la Roma sembra partire davvero con tutti i pronostici a favore. Ma il risultato è più che mai incerto stavolta, come testimoniano le quote visibili su portali di comparazione betting, che confrontano anche i più alti bonus dei siti di scommesse per puntare sulla tua squadra del cuore e quanto mai utili in questa occasione specifica per i tifosi giallorossi. 

Come si diceva, al momento sono 3 i precedenti totali, di cui due con sfida di andata e ritorno. In principio furono gli ottavi di finale dell’Europa League 2014/2015, quello degli scontri in pieno centro a Roma con tanto di devastazione di Piazza di Spagna e dell’iconica fontana della Barcaccia. In quell’occasione i giallorossi pareggiarono 1-1 all’andata all’Olimpico e vinsero in trasferta 1-2 con i gol di Ljajic e Gervinho. A nulla valse il momentaneo pareggio di Elvis Manu.

La seconda volta è la più bella di tutte: la vittoria 1-0 (gol di Zaniolo) nella finalissima di Conference League a Tirana nel 2022.
Quel trionfo legò indissolubilmente il tifo giallorosso al suo ex allenatore Mourinho, che fu in grado di portare a casa il primo trofeo europeo della storia capitolina.

Infine, nella scorsa stagione, Roma e Feyenoord si sono incontrate per i quarti di finale di Europa League: vittoria olandese per 1-0 in Olanda, 4-1 ai supplementari romanista all’Olimpico ed ennesima serata di festa.

Roma-Feyenoord: chi è davvero il favorito?

Certamente quest’anno ci sono fattori diversi in gioco. Dapprima il cambio di panchina recente in casa Roma, con Daniele De Rossi che dovrà travestirsi da allenatore esperto di sfide europee per incastrare ancora una volta la squadra di Arne Slot. Inoltre, gli olandesi sono campioni nazionali in carica e, a differenza dello scorso anno, scendono dalla Champions League, dal girone della Lazio per la precisione, nel quale sono arrivati terzi. 

La rosa si è rafforzata ulteriormente e, di certo, è molto più competitiva di quella vista nella passata stagione.
I giallorossi, però, potranno contare a loro volta su un Lukaku in più e, soprattutto, sul fattore Olimpico al ritorno, che ha sempre portato fortuna nelle recenti uscite europee ai capitolini.
Da tutto ciò, quindi, si evince che sarà certamente una sfida più equilibrata di quella degli anni scorsi, come confermano le quote sul passaggio turno: Roma leggermente avanti (bancata a 1.65 di media), Feyenoord molto vicino (bancato mediamente a 2.10).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati