Murales a Policlinico per sensibilizzare sull’importanza di donare il sangue

Il disegno dell'artista Ironmound per sostenere il Centro Nazionale Sangue
Manuel Marchetti - 16 Giugno 2015

Roma si fregia di un’altra opera di street art. L’11 giugno è stata ultimata, presso la fermata Policlinico (metro B), l’opera dell’artista Ironmound (già conosciuto per il lavoro all’interno della stazione Rebibbia).

Il disegno è stato realizzato per sostenere le attività del Centro Nazionale Sangue e proprio quest’ultimo ha collaborato con Atac per il compimento del murales.
Il luogo non è casuale, ma determinato dal fatto che l’Umberto I è, per numero di accessi ad interventi, il secondo ospedale più grande d’Italia.

L’obiettivo è chiaro, sensibilizzare i cittadini sull’importanza che riveste la donazione di sangue.

UnknownAtac, da qualche tempo ormai, ha iniziato un percorso collaborativo con vari artisti per promozionare la fruizione dell’arte nelle infrastrutture del trasporto pubblico e al contempo riqualificare e ristabilire il decoro delle stazioni della metropolitana. A fine marzo dell´anno scorso l’artista tedesco Clemens Behr ha realizzato una imponente opera sul palazzo della sede Atac di Garbatella.

Unknown1A maggio 2014, alla stazione metro Spagna, sono stati “svelati” gli affreschi di street art realizzati da 6 artisti francesi di fama internazionale e conosciuti con i nomi di: C215, Alexone, Epsilonpoint, Popay, Seth, Philippe Baudelocque. A giugno quattro artisti italiani – Lucamaleonte, Andreco, Tellas, Eron – e la guest star argentina JAZ hanno arricchito Spagna conle loro opere, utilizzando vari materiali e bombolette spray, e coprendo parte della rimanente superficie muraria della stazione.

A metà luglio, invece, si è svolto a Spagna lultimo intervento di Gaia, artista italo-americano di fama internazionale attivo soprattutto a Brooklyn e Baltimora. Sempre sulla scia del connubio tra Atac e street art, a febbraio 2015 quattro stazioni della metro B (Santa Maria del Soccorso, Rebibbia Monti Tiburtini e Ponte Mammolo) sono state “ridisegnate” dagli street artist Zerocalcare, Gomez, Ironmould, Solo, Diamond, Pepsy.

Atac riceve spesso delle critiche, soprattutto sui social network, con fotografie scattate e pubblicate in tempo reale per segnalare sovraffollamento sulle banchine, ritardi eccessivi o disservizi vari; almeno sull’arte possiamo dire che la società ci sa fare e questo percorso intrapreso è del tutto lodevole.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti