Oliveto di Torricella Sabina e il suo Statuto del sec. XVI

di Franco Leggeri - 26 Novembre 2009

Durante una mia ricerca sulla condizione contadina del 1500 mi sono imbattuto nel “codicetto”, presumibilmente del sec. XVI , che altro non è che lo: ”STATUTA et ordinationes facta per illustrem dominum Laurentium de Iacobatijs dominum Castri Oliveti”.

La prima pagina (nella foto) è una invocazione contornata da fiorami a colori dove si legge: "In nomine Domini nostri Iesu Christi et gloriosissimae eius matris Virginis Marie. Hec sunt statua et ordinationes facta per Illustrem Dominum Laurentium de Iacobatijs, dominum Castri Oliveti, Reatinae diocesis vassallis eiusdem castri”.
Lo STATUTA è composto capp. Di cui i primi 26 riguardano i Malefici; dal cap.27 al 60, le cose civili: dal cap. 61 al 113 altre diposizioni di diritto civile: matrimoni e successioni, danni alla proprietà, pene per i bestemmiatori. C. 13, è aggiunta di altra mano: "Ancora statuimo et ordiniamo tutti i feudatarij piglianti lo feudo, ciascun di loro siano obligati a beneplacito del Signore, pagare per uno della decima parte et per ogni centenaro dieci di tutti li beni del feudo pigliante secondo il vallore d’essi, et ditti feudi estimar si debbono per duoi homini eletti a beneplacito de esso Signore et padrone”.

Il “codicetto” misura mm 225×160. La scrittura minuscola gotica calligraftea, con elementi corsivi della stessa mano, eccetto le ultime linee corsive a c.13. Nella c.1 testata miniata a volute di fiori; nel mezzo lo stemma della famiglia Iacovacci. L’invocazione è in capitali azzurre e dorate; e in azzurro è pure il titolo e la numerazione dei capp. Legatura. Moderna. in pergamena. Il “codicetto” non reca alcuna data in relazione al feudatario Lorenzo Iacovacci.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti