Protesta degli studenti dell’Istituto Croce Aleramo per i bagni rotti

In via Sommovigo a Colli Aniene nessuno dei cinquecento studenti ha varcato la soglia della scuola

Ci sono proteste e proteste e indubbiamente quella di questa mattina all’Istituto Superiore Croce Aleramo di via Sommovigo a Colli Aniene sembra del tutto giustificata. I bagni non funzionano e gli studenti disertano le lezioni. Ora ci sarà certamente qualcuno che additerà gli studenti sostenendo che ogni pretesto è buono per non fare lezione. Ma le cose non stanno esattamente così e i ragazzi hanno tutte le ragioni per far valere i loro diritti.

Sono diversi giorni che nel plesso scolastico funzionano solo quattro bagni per oltre cinquecento studenti e il corpo insegnante.

In totale accordo, questa mattina, nessuno dei cinquecento tra studenti e studentesse ha varcato la soglia dei cancelli della scuola. Hanno attivato un presidio davanti alla scuola esprimendo con cori e megafoni tutto il loro sdegno. E così un normale giorno di scuola si è trasformato in un sit-in di protesta.

La Dirigente Scolastica Teresa Luongo ha comunicato che il problema è stato segnalato venerdì a Città metropolitana che ha la competenza per gli istituti superiori di Roma e provincia. Ma nonostante che i tecnici siano intervenuti subito, non si è ancora riusciti a risolvere il problema. Ora la ricerca del guasto si sta orientando verso l’impianto fognario.
Nei prossimi giorni si continuerà a lavorare per sistemare la situazione critica ma la comunità scolastica chiede il massimo impegno affinché si rientri a scuola il prima possibile.

Anche gli studenti e le studentesse chiedono di tornare in classe al più presto: tra verifiche, compiti in classe, interrogazioni le agende sono piene e il tempo che rimane è poco.

Per il momento, però, i cancelli rimangono chiusi: per domani la dirigenza ha deciso di sospendere ogni attività didattica. “Non ci sono le condizioni igieniche” conclude Luongo, “non ho potuto fare altrimenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati