Categorie: Sport
Municipi:

Torino-Lazio 0-2: Guendouzi e Cataldi, mandano Sarri a meno 1 dalla Roma

Ko in casa per i granata di Ivan Jurić nel recupero della 21/a giornata di Serie A

Alla Lazio sono bastati solo cinque minuti, nel recupero della 21esima giornata del campionato di Serie A giocato allo stadio Olimpico Grande Torino. Non gliene sono serviti molti di più, per dimostrare tutto il suo talento e la sua bravura messa in campo, perché dopotutto per Sarri e la sua banda il meglio deve ancora venire con il Bayern alle porte, dopo averlo messo alle corde, e la semifinale di Coppa Italia più in là.

Prima frazione di gara con i padroni di casa più propositivi che, dopo il palo centrato da Sanabria in avvio, hanno continuato ad impensierire Provedel per tutti i 45′, sfruttando in particolare le iniziative di Bellanova, Ilić e Vlašić. La Lazio, nonostante una buona fase centrale, ha fatto tanta fatica a presentarsi dalle parti di Vanja Milinković-Savić. Squadre negli spogliatoi dopo un primo tempo a reti bianche.

Nella ripresa le reti decisive. Micidiale “uno-due” della Lazio al 51′ con Guendouzi e al 56′ con Cataldi che piega ma non doma la squadra di Jurić che cerca con ostinazione di cambiare un risultato che smentisce, fino al primo gol biancoceleste, le forze in campo e le occasioni costruite dalle due squadre. Dal 79′ biancocelesti in dieci per l’espulsione di Gila per doppia ammonizione. Negli ultimi minuti la Lazio resiste all’arrembaggio del Torino e porta a casa 3 punti preziosissimi in chiave europea.

“Il gol? Sono contento, erano due anni che non mi capitava di segnare. È stata una bella serata. Penso che venire qui e non soffrire è complicato, all’inizio c’è stata un po’ di difficoltà. Abbiamo retto e il secondo tempo abbiamo dato maggiore qualità”. Così il centrocampista della Lazio, Danilo Cataldi, ai microfoni di Dazn dopo la vittoria sul Torino. “Europa? Il calendario non è facile, ma dobbiamo rimanere lì. Il nostro obiettivo è un piazzamento in Champions

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati