Vi sentite gonfi? Mangiate pasta con verdure amare

Finalmente le persone da me seguite concordano nel dire che la pasta non fa ingrassare, anzi fa bene: ecco come condirla per ottenere più benefici!
Dottor Emanuele Fanella, Biologo nutrizionista - 27 Settembre 2020

Ormai da tempo la pasta è stata “assolta” dal ruolo demoniaco che le era stato assegnato dalla dietologia degli anni passati: vista come il nemico numero uno di chi voleva perdere peso, subito eliminata dalle diete e messa all’indice come alimento ingrassante, oggi vive decisamente una nuova età dell’oro e le sue tante proprietà vengono finalmente apprezzate.

La pasta, infatti, è un’ottima alleata del buon umore e questo la rende un cibo ottimo anche per favorire il dimagrimento: scoraggia la produzione di cortisolo, ormone dello stress, che invece tende a bloccare la perdita di peso.

Anche a cena

Consumata nelle giuste quantità e con condimenti di qualità, la pasta può essere mangiata senza pensieri a pranzo o a cena, dove anzi favorisce il sonno.

Verdure amare

Per quanto riguarda i condimenti, vi consiglio la pasta condita con verdure, nello specifico verdure amare come cicoria, rucola, scarola, cime di rapa, cavolo nero, radicchio, catalogna, ortica.
Questo connubio ha un forte potere detossificante e sgonfiante.

Sistema immunitario più forte

Queste verdure, infatti, che sono tipiche della primavera ma possono trovarsi anche in estate oppure surgelate, stimolano il lavoro del fegato e quindi aiutano il metabolismomangiare con regolarità erbe come cicoria e cicorietta, cavolo nero, scarola, radicchi e catalogna rafforza anche il sistema immunitario.

Le erbe amare sono ottime da sole o come condimento, crude o cotte, molto utilizzate anche per torte salate e frittate: spesso tendiamo a dimenticarle, invece sono un grande alleato della salute e del punto vita.

Cottura leggermente al dente

Infine, un ultimo suggerimento per un piatto di pasta a tutta salute: scolate la pasta leggermente al dente, perché se resta troppo in acqua bollente disperde eccessivamente amido e di conseguenza aumenta la sua quantità di glutine, diventando così pesante, collosa, poco digeribile.
La pasta cotta al dente mantiene invece intatte le sue proprietà nutritive, perché i granuli di amido vengono idratati a sufficienza ma non al punto da “esplodere”.
Di contro, una pasta troppo cruda non sarebbe digeribile in quanto non attaccabile dagli enzimi digestivi. 

Per approfondimento: 

https://www.facebook.com/BONUMVITAENUTRIZIONE


Commenti

  Commenti: 1


  1. Ottimo rimedio.. assolutamente da provare

Commenti