Zenit-Lazio 1-1: pari d’oro grazie a Caicedo

Pareggio in Russia grazie alla rete del “solito” Caicedo. Cronaca, pagelle e tabellino
Marco Savo - 5 Novembre 2020

La Lazio in Russia è uscita dal campo dello Zenit imbattuta, pareggiando con Caicedo il goal inziale di Erokhin.

Si è trattato di un buon risultato, considerando l’emergenza con cui la squadra di Inzaghi è costretta a giocare in Champions League. Con questo risultato la Lazio raggiunge quota 5 punti nella classifica del Girone F.

Emergenza Covid-19

In Russia contro lo Zenit la Lazio ha ritrovato il calore del pubblico locale ma in campo la questione temponi ha decimato la rosa a disposizione di Inzaghi.

Laboratorio Analisi Lepetit

A causa di un diverso protocollo fra Uefa e Lega di Serie A alcuni giocatori sono risultati positivi al Covid-19 in Europa ed in Italia no. È il caso di Immobile, Leiva e Strakosha stoppati dall’Uefa ed in campo nell’ultimo match in campionato in quel di Torino.

Zenit-Lazio 1-1Inzaghi in ogni caso ha imparato a fare di necessità virtù. Nel primo tempo lo Zenit ha fatto valere il fattore campo, portandosi in vantaggio dopo la mezzora con Erokhin, bravo a girare in rete sotto misura dopo un assist di testa di Dzyuba.

Ci pensa Caicedo

Nella ripresa c’è stata fin da subito un’altra Lazio, soprattutto dopo l’ingresso in campo di Caicedo, Pereira e Cataldi al posto di Muriqi, Fares e Parolo. Al 55’ però lo Zenit per due volte ha sfiorato il raddoppio con Erokhin e soprattutto Mostovoy. Nel frattempo però la Lazio ha guadagnato terreno con le sortite offensive di Correa, bravo a creare un po’ meno a concludere.

Zenit-Lazio 1-1La svolta dell’incontro è arrivata al 82’ con il destro di Caicedo, bravo a mettere dentro un cross basso dalla sinistra di Acerbi.

Sul pari i biancocelesti hanno pensato maggiormente a gestire il risultato ed a portare a casa il prezioso punto.

Al 93’ Milinkovic ha tentato il sorpasso con un bel tiro che è finito fuori di poco ma l’ultimo sussulto del match è stato dei russi che sono andanti in goal con Mostovoy, con l’arbitro che annullato tutto per il fuorigioco dell’attaccante.

Le pagelle di Zenit-Lazio 1-1

Reina 6 – L’ex portiere del Napoli è stato poco impegnato e sul goal non ha avuto troppe colpe.

Patric 6 – Buona prestazione d’impegno. Per rendere al massimo non deve mai abbassare la concentrazione, neanche per un istante.

Hoedt 6.5 – Come per Patric, anche lui deve essere sempre concentrato per rendere al meglio.

Acerbi 7 – Un leone indomabile, perfetto nel suo ruolo ma anche nella veste di assist man per il goal del pari di Caicedo. Inoltre si è dannato l’anima ed ha spronato i compagni a dare sempre il massimo.

Marusic 6 – Inzaghi gli ha chiesto di occupare entrambe le fasce, ha stretto i denti ed ha giocato una buona gara.

Akpa Akpro 6 – L’ex Salernitana si è fatto notare soprattutto per il suo dinamismo e la sua presenza costante in area di rigore.

Parolo 6 – Quando c’è da fare gli straordinari e colmare qualche emergenza di formazione lui risponde sempre presente.

53′ Cataldi 6.5 – Il suo è stato un ritorno molto importante, in vista del proseguo della stagione.

Milinkovic-Savic 6.5 – Senza Luis Alberto si è caricato la squadra sulle spalle con più decisione e qualità.

Fares 6 – L’ex Spal ha pagato la stanchezza e la condizione fisica non al meglio.

60′ Pereira 6.5 – Il suo ingresso ha dato vivacità alla gara.

Correa 6.5 – Qualche buona giocata anche se è stato troppo leggerino nel corpo a copro con i difensori russi.

85′ Luiz Felipe sv.

Muriqi 6 – Ha giocato molto per la squadra ma senza essere mai pericoloso.

Zenit-Lazio 1-160′ Caicedo 7.5 – In questa gara ha fatto l’Immobile ed ha dato la profondità che mancava alla squadra. Ancora in goal ed ancora negli ultimi minuti.

All. Simone Inzaghi 6.5 – Giocarsi la Champions in continua in emergenza non è il massimo della vita. La Lazio tiene botta e torna dalla trasferta russa con un prezioso pareggio e soprattutto con 5 punti in classifica.

Arbitro: Artur Dias 6.5.

Il tabellino di Zenit-Lazio 1-1

Marcatori: 32′ Erokhin (Z), 81′ Caicedo (L)

ZENIT (5-4-1): Kerzhakov, Karavev, Lovren, Rakits’kyy, Douglas Santos, Zhirkov (78′ Krugovoi); Erokhin (61′ Mostovoy), Barrios, Ozdoev, Kuzyaev; Dzyuba. A disp. Vasyutin, Lunev, Sutormin, Wendel, Prokhin, Shamkin. All. Sergej Semak.

LAZIO (3-5-2): Reina; Patric, Hoedt, Acerbi; Marusic, Akpa Akpro, Parolo (53′ Cataldi), Milinkovic-Savic, Fares (60′ Pereira); Correa (85′ Luiz Felipe), Muriqi (60′ Caicedo). A disp. Furlanetto, Alia, Armini, Franco, Pica, Bertini, Czyz. All. Simone Inzaghi.

Arbitro: Artur Dias. Assistenti: Rui Tavares – Paulo Soares. Quarto uomo: Antonio Emanuel Carvalho Nobre. V.A.R.: Tiago Martins. A.V.A.R.: Luis Godinho.

NOTE: Ammoniti: 5′ Akpa Akpro (L), 7′ Kuzyaev (Z), 55′ S. Inzaghi (L), 59′ Milinkovic (L), 78′ Caicedo (L), 78′ Barrios (Z), 85′ Reina (L), 86′ Krugovoi (Z). Recupero: 0′ pt


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti