Acilia: maxi confisca per 23 milioni a esponenti clan Casalesi

L’Operazione condotta dalla Guardia di Finanza vede confiscati beni immobili e mobili 
Marco Rollero - 16 Febbraio 2018

Dalle prime luci dell’alba di stamattina venerdì 16 febbraio 2018, i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma hanno avviato l’esecuzione di un decreto di confisca emesso dal locale Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia capitolina, nei confronti di 9 appartenenti al clan dei Casalesi – “Gruppo Iovine” e al contiguo e autonomo “Gruppo Guarnera” di Acilia, per un valore complessivo di oltre 23 milioni di euro.

Le indagini economico-patrimoniali, svolte dagli specialisti del G.I.C.O. del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Capitale, sono state avviate all’esito di una vasta operazione antimafia, condotta dalle Fiamme Gialle di Roma, che, nell’ottobre 2013, nell’ambito dell’operazione “Criminal Games”, aveva portato all’arresto di numerosi esponenti del clan, per i reati di associazione mafiosa, trasferimento fraudolento di beni, usura, estorsione, rapina, illecita concorrenza con minaccia e violenza e detenzione illegale di armi. In quel contesto, era stata accertata l’esistenza di una vera e propria joint-venture nel remunerativo settore delle “macchinette mangiasoldi” – imposte nel territorio di Acilia agli esercizi commerciali autorizzati – tra esponenti di vertice della criminalità organizzata campana (Gruppo Iovine), e noti personaggi della criminalità organizzata romana (Gruppo Guarnera), a loro volta in contatto con qualificati appartenenti alla Banda della Magliana.

La confisca odierna ha ad oggetto i beni già sottoposti a sequestro nel marzo del 2016, vale a dire:-l’intero patrimonio aziendale di 3 ditte individuali; – le quote societarie, il capitale sociale e l’intero patrimonio aziendale di 5 società di capitali; – 8 unità immobiliari site in Roma e nelle province di Nuoro e L’Aquila; – 1 terreno sito in Roma; – 8 autovetture; – 1 motociclo; – rapporti finanziari per un valore complessivo di stima di oltre 23 milioni di euro. Contestualmente il Tribunale di Roma ha disposto, nei confronti di 6 dei 9 proposti, l’applicazione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza con obbligo di dimora nel comune di residenza per 3 anni.

Marco Rollero


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti