Anziano picchiato da tassista mentre comprava medicinali per il figlio disabile

All'aggressore è stata sospesa la licenza
Redazione - 7 Aprile 2015

E’ stata sospesa la licenza al tassista che mercoledì scorso, a piazza Barberini, in pieno giorno, ha mandato in ospedale Antonio Cavallaro, un uomo di 67 anni ‘colpevole’ di aver parcheggiato di fronte ad una farmacia su una sosta non autorizzata.

L’anziano signore è stato malmenato con violenza dal tassista mentre si apprestava a comprare delle medicine per il figlio con sindrome di Down che, dalla macchina, ha assistito a tutta la scena riportando anche uno shock.

Taxi“Con tutte le carte in mano, i nostri uffici hanno proceduto alla sospensione cautelativa della licenza di questo tassista. Chi si macchia di queste azioni non può continuare a lavorare per un servizio pubblico di questa città”. Ha scritto il sindaco Ignazio Marino su Facebook.

Sull’episodio si è espresso anche il presidente dell’Aipd (associazione italiana persone down) di Roma Giampaolo Celani che si è detto ‘scioccato’ per quanto accaduto e ha posto il problema della mancanza della sosta breve per l’acquisto di medicinali.

Intanto una delegazione di tassisti ha fatto visita all’uomo, ancora ricoverato in ospedale, portandogli solidarietà e auguri pasquali. Alessandro Genovese, dell’Ugl taxi dopo aver condannano l’episodio ha fatto sapere che i tassisti si costituiranno parte civile contro l’aggressore.

Ma c’è di più. “Come concreto gesto di vicinanza, in collaborazione con le centrali radio taxi 6645, Samarcanda e 8822, ospiteremo gratuitamente il dottor Cavallaro sui nostri taxi”, hanno spiegato in un comunicato l’Associazione di Tutela Legale Taxi e le strutture sindacali Ugl taxi, Federtaxi Cisal, Fit Cisl taxi, Uil trasporti taxi, Ati taxi e Usb settore taxi che facevano parte della delegazione.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti