Roma, un Autunno a tutto jazz

All’Auditorium, dal 20 ottobre al 2 novembre, la 37ma edizione del Roma Jazz Festival
Emiliano Germani - 2 Ottobre 2013

La Capitale offre un autunno a tutto Jazz. Sono infatti ai blocchi di partenza due ricchissime rassegne jazzistiche che fino all’inizio di novembre daranno agli appassionati del genere l’occasione di fare una vera e propria scorpacciata. Il grande appuntamento della stagione è all’Auditorium, che dal 20 ottobre al 2 novembre ospita la 37ma edizione del Roma Jazz Festival, organizzata dalla Fondazione Musica per Roma con Roma Capitale (Assessorato alla Cultura), il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e International Music Festival Foundation, in collaborazione con Minimum Fax. Non solo musica, ma tanti eventi nel cartellone. Infatti quest’anno la rassegna ha un sottotitolo: Speech – Jazz e letteratura.

Obiettivo è quello di raccontare ed esplorare il rapporto, l’intersezione, le reciproche influenze tra lingua jazzistica, ambienti intellettuali, parola scritta. Il Festival 2013, quindi, offrirà, oltre a grandi appuntamenti di musica jazz, italiana e internazionale, anche eventi legati al teatro, alla narrativa, alla poesia, oltre a seminari, lezioni di jazz, incontri monografici e letture di saggi. Grande preludio alla rassegna il 18 ottobre con un concerto d’eccezione: Paolo Fresu alla tromba e Martux_m (Maurizio Martusciello) ai suoni elettronici. Per conoscere il programma completo del Roma Jazz Festival, basta consultare il sito web: www.auditorium.com.

L’altro grande polo dell’autunno musicale romano sarà la Casa del Jazz, che proporrà un ricco pacchetto di appunatmenti per un lungo viaggio, musicale e non solo, sulle tracce del jazz d’oggi e le sue numerose identità, dal culto delle radici più antiche alle sperimentazioni elettroniche e alle parafrasi del pop. Previsti grandi nomi (Roberto Gatto, solo per fare un esempio, è atteso il 4 ottobre) e spazio per i giovani talenti. E poi varie rassegne tematiche, come “Fusione a caldo”, che unisce al jazz altri generi dalla musica etnica alla canzone d’autore e al rock blues fino alla classica, e la terza edizione del Progressivamente Festival, che ai concerti musicali unisce la proiezione di documentari su grandi del jazz e le loro performance storiche. A contorno, conferenze, seminari e serate tematiche. Anche qui, tutte le informazioni sul programma sono disponibili su Internet cliccando su www.casajazz.it.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti