Banda della Magliana, confiscati 5 milioni di euro

di Serena Panacchia - 24 Settembre 2013

Roma: la direzione investigativa antimafia sta procedendo alla confisca di un patrimonio stimato in 5 milioni di euro nei confronti di uno dei boss della Banda della Magliana, Giuseppe Giagnoli, prestanome di Enrico Nicoletti, 58 anni romano. Nel 2003 fu rinviato a giudizio per associazione a delinquere di stampo mafioso.

Dalla metà degli anni ’90 Giagnoli, per conto del capo della Banda della Magliana, ha gestito numerose società operanti nel settore del commercio di autoveicoli, mantenendo e gestendo contatti con soggetti in grado di porre in essere azioni intimidatorie.

Secondo quanto ha affermato la Dia, costringeva le vittime ad acquistare autovetture ad un prezzo notevolmente superiore al loro valore reale in modo da giustificare, con il pagamento rateale del veicolo, i versamenti usurari.

Le operazioni di confisca riguardano appartamenti, ville, terreni, auto di lusso e d’epoca, attività commerciali nella zona sud della Capitale.

In seguito a ciò, Giagnoli è stato anche sottoposto alla misura della sorveglianza speciale di Pubblica Sicurezza per due anni.

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti