Casamonica contro Dado per il video satira sul funerale del boss

La parodia sulla celebrazione funebre del 20 agosto ha scatenato le ire dei parenti su Facebook
Marco Mikhail - 30 Agosto 2015

Minacce di morte e insulti da parte del clan Casamonica contro Dado, dopo la pubblicazione – venerdì 28 agosto – sulla pagina Facebook del comico romano del video satirico sul funerale di Vittorio Casamonica.

Il cantautore, sulle note di “Non voglio mica la Luna”, se l’è presa in realtà con le istituzioni che hanno permesso la celebrazione funebre di uno dei massimi esponenti del clan, nella quale un elicottero ha sparso petali di rosa per la città in onore del defunto, definito nei manifesti dei parenti, apparsi il giorno del funerale, come “ il Re di Roma”.

dadoNel video Dado canta “vorrei una bara fiammante fuori la chiesa, la mia faccia gigante e una banda che suona le note del padrino re di Roma e un grande cocchio di quelli che non si usa più.” Parole che non sono andate giù al clan Casamonica cosi come ai parenti del defunto, che hanno riempito la pagina social di Dado con pesanti insulti e minacce.

Queste solo alcune delle frasi rivolte a Dado: “Sto sfigato a malato fatte n’a vita invece de fa e cansoni su di noi malato mentale…….”, “Stai attento che se ti vedono x strada… lo avrai subito il funerale m…», “Sei un malato mentale con quegli occhi da pervertito vatti a ricovera invece di fa le canzoni sulle persone che se ne sono andate”, ” A m…fa er comico finché lo puoi fa” e molto altro.

Nel corso dello spettacolo all’Ombra del Colosseo, sabato 29 agosto, il cantautore ha ringraziato i fan e il mondo dello spettacolo per la solidarietà ricevuta, in primis Antonello Venditti con il quale ha cantato Roma Capoccia. Infine, ha invitato i massimi esponenti della satira italiana al suo ultimo spettacolo, in scena venerdì 4 settembre all’Ombra del Colosseo, che sarà dedicato alla libertà di espressione e di stampa. “Mi piacerebbe – spiega Dado – che quella sera ci fossero i miei amici con me: Enrico Brignano, Lillo e Greg, Paola Cortellesi, Max Giusti, Max Tortora e Maurizio Crozza”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti