Covid-19, 7 luglio: a Roma 4 nuovi casi e in tutto il Lazio solo 5. Nel volo proveniente da Dacca 36 positivi

Sospesi per una settimana i voli dal Bangladesh. D'Amato "Una vera e propria ‘bomba’ virale che abbiamo disinnescato". Nessun caso nelle Asl Roma 2, Roma 3, Roma 4, Roma 5, Roma 6, Viterbo, Rieti e Frosinone
Enzo Luciani - 7 Luglio 2020

“Oggi registriamo un dato di 5 casi e zero decessi. Dei nuovi casi tre sono casi di importazione due registrati nella città di Roma e uno a Latina” ha reso noto l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato.
Sono 873 gli attuali casi positivi Covid-19 nella Regione Lazio. Di cui 658 sono in isolamento domiciliare, 202 sono ricoverati non in terapia intensiva, 13 sono ricoverati in terapia intensiva.
842 sono i pazienti deceduti e 6495 le persone guarite. In totale sono stati esaminati 8210 casi.

Nella Asl Roma 1 dei quattro casi registrati nelle ultime 24h due sono riferiti a persone di nazionalità del Bangladesh che hanno un link correlabile con i voli internazionali provenienti da Dacca già attenzionati (e i casi collegabili ai voli provenienti dal Bangladesh arrivano finora a quota 77).

Ulteriori due casi arrivano da accesso al pronto soccorso dall’ospedale San Pietro e uno dal pronto soccorso del Policlinico di Tor Vergata.
Infine per quanto riguarda le province registriamo un caso nella Asl di Latina si tratta di un link familiare con la donna di nazionalità Indiana e di rientro dall’India che era correttamente in isolamento.

I dati dei giorni scorsi

Il volo di ieri dal Bangladesh

“Su 225 passeggeri del volo speciale diretto in arrivo il 6 luglio pomeriggio da Dacca a Roma Fiumicino al momento sono risultati 14 con sieroprevalenza pari al 6,2%. Sono stati eseguiti i tamponi e domani (oggi – ndr) ci saranno i risultati.
I passeggeri del volo, soprattutto di lavoratori del settore della ristorazione e del commercio, sono stati posti tutti in isolamento.
Le operazioni – comunica l’Unità di Crisi COVID-19 della Regione Lazio – si sono svolte in totale sicurezza e collaborazione anche attraverso i mediatori culturali con particolare attenzione ai nuclei familiari e ai bambini.
Si desidera ringraziare Aeroporti di Roma (ADR), l’USMAF e le Forze di Polizia nonché la Asl Roma 3 e le otto unità mobili USCA-R con il coordinamento dell’Istituto Spallanzani che stanno consentendo l’applicazione della ordinanza regionale”.

Il terminal 5, dell’aeroporto «Leonardo da Vinci» è stato interamente svuotato e trasformato in un vero e proprio ospedale da campo.

Sei squadre, composte da 24 medici dell’Istituto nazionale per le malattie infettive INMI Spallanzani, coordinate dal direttore sanitario Francesco Vaia, sono dedicate allo screening per la ricerca del virus. 

“Una vera e propria ‘bomba’ virale che abbiamo disinnescato. E’ la conferma che non ci sono le condizioni di sicurezza da quella provenienza e i voli vanno sospesi.
Se non avessimo messo in piedi una imponente macchina dei controlli questi passeggeri molto probabilmente sarebbero stati a loro volta un vettore di trasmissione del virus presso le loro comunità”.

I tamponi positivi sono 36

“Già 6 tamponi positivi ai test effettuati ieri, che si completeranno durante la mattinata di oggi. Alcuni passeggeri avevano anche alterazione della temperatura”, fa sapere alle ore 9:31 l’Unità di Crisi Regione Lazio.

Aggiornamento delle ore 11:42 – Non sono ancora terminate le operazioni dei test ma sono già saliti a 21 i positivi al tampone.

Aggiornamento ore 16:19 – I casi positivi al tampone sono stati 36 (oltre il 13%) e sono stati in gran parte trasferiti al Covid Center di Casal Palocco (spoke dello Spallanzani).
Tutti i passeggeri del volo di ieri sono stati posti in isolamento presso strutture alberghiere e alcuni di loro presso il proprio domicilio previa la verifica delle condizioni di isolamento.

In ottemperanza delle disposizioni dell'ordinanza della Regione Lazio di oggi, si stanno eseguendo, ad opera del personale del servizio sanitario regionale e delle USCA-R, i test sierologici e i tamponi a tutti i viaggiatori del volo speciale in arrivo dal Bangadlesh. #SaluteLazio

Pubblicato da Salute Lazio su Lunedì 6 luglio 2020

Sospesi per una settimana i voli dal Bangladesh

E’ stata decisa “la sospensione dei voli in arrivo dal Bangladesh a seguito del numero significativo di casi positivi al Covid-19 riscontrati sull’ultimo volo arrivato ieri a Roma.
La quarantena – ha dichiarato il ministro della Salute, Roberto Speranza – per chi viene da Paesi extra UE ed extra Schengen è già prevista ed è confermata. Ma dopo tutti i sacrifici fatti non possiamo permetterci di importare contagi dall’estero. Meglio continuare a seguire la linea della massima prudenza”.

“In accordo con il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, è stata disposta una sospensione valida per una settimana durante la quale si lavorerà a nuove misure cautelative per gli arrivi extra Schengen ed extra Ue”, precisa il ministro della Salute.

L’appello alla comunità

Sarà diffuso un appello della Asl Roma 2 alla comunità del Bangladesh (in lingua bengali o bengalese) per recarsi ad eseguire i test per coloro che dal 1 giugno in poi sono tornati dal Bangladesh.

Nel testo saranno inserite queste raccomandazioni:

Devi segnalare il tuo arrivo nel Lazio sul sito https://www.regione.lazio.it/sononellazio/ o chiamando il numero verde regionale gratuito 800118800.
In caso di sintomi rivolgiti al tuo medico o al 118 o al numero verde regionale gratuito 800118800.
Anche se non hai i sintomi devi comunque rispettare l’isolamento per 14 giorni dopo il tuo arrivo.
(E poi ci sarà la mappa con indicati i luoghi dove poter effettuare i tamponi).

Il 7 luglio mattina a tal proposito si è svolto “in un clima di massima collaborazione un incontro con i rappresentanti della Asl Roma 2 ed alcuni rappresentanti della Comunità del Bangladesh che è ‘amica della città di Roma’”. 

Il drive-in di largo Preneste e per il week end anche quelli di Maranella e Centocelle

“Da lunedì – ha dichiarato D’Amato il 3 luglio – effettueremo tamponi a tappeto presso il drive-in di via Nicolò Forteguerri (zona largo Preneste, Asl Roma 2 e si entra da via Giacomo de’ Conti – ndr) ai componenti della comunità del Bangladesh che sono invitati a recarsi presso la struttura.
Sono stati avvisati i medici di medicina generale della Asl Roma 2″.

Sabato e domenica saranno operativi anche i drive-in a Piazza della Maranella e a Via degli Eucalipti (a Centocelle).

Meglio sospendere le funzioni religiose

È stato consigliato dalla Asl Roma 2 di sospendere per questa settimana le funzioni religiose del venerdì per motivi di sanità pubblica e per evitare nuovi focolai.

Le mappe dei contagi nei quartieri del III, IV e V municipio di Roma, aggiornate al 29 giugno

La mappa dei contagi nel Municipio III

La mappa dei contagi nel Municipio IV

La mappa dei contagi nel Municipio V

La mappa dei contagiati nel Lazio e nei Municipi di Roma

Le mappe sono realizzate dal SERESMI e rappresentano l’incidenza cumulativa dei contagi da Covid-19 nei Comuni del Lazio e nei Municipi e quartieri di Roma in rapporto al numero dei residenti dei singoli territori.

Le mappe sono aggiornate settimanalmente (il martedì), per consentire il consolidamento dei dati. Quelle visibili oggi sono riferite ai dati complessivi registrati fino al 29 giugno. A quella data il tasso di diffusione ogni 10mila abitanti a Roma città era 10.96 (3.148 casi dall’inizio dell’emergenza).

La mappa interattiva sulla diffusione del Covid-19 in Italia

In versione mobile e in versione desktop.

I dati vengono aggiornati giornalmente alle ore 18, in contemporanea alla conferenza stampa che viene trasmessa attraverso i canali social del Dipartimento della Protezione Civile.

La mappa sulla diffusione mondiale

La mappa con la situazione mondiale dell’infezione da Coronavirus COVID-19 realizzata dalla Johns Hopkins University.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti