Dal 3 all’8 marzo Shine Pink Floyd Moon

Al Teatro Olimpico un evento di assoluta importanza per gli amanti della musica rock
Bruna Fiorentino - 27 Febbraio 2020

Shine Pink Floyd Moon

al Teatro Olimpico dal 3 all’8 marzo 2020

Un evento di assoluta importanza per gli amanti della musica rock grazie ad uno spettacolo che ha già riscosso in molte città italiane enorme consenso di pubblico. Gremita conferenza stampa all’Hard Rock Caffè.

 

Una folta rappresentanza di giornalisti ha partecipato il 25 febbraio 2020, alla conferenza stampa di presentazione dello spettacolo Shine Pink Floyd Moon che si annuncia oltre ogni capacità di immaginazione. I protagonisti che andranno in scena e che hanno già fatto sognare migliaia di spettatori in vari teatri d’Italia sono la band Pink Floyd Legend, la Compagnia Daniele Cipriani e l’Accademia Filarmonica Romana.

Gli organizzatori hanno definito questo evento: ipnotico, surreale, unico.

Vuoi per la garanzia di chi ha lavorato per realizzare questo poderoso evento, vuoi per i protagonisti che hanno lavorato, gli ingredienti ci sono tutti, hanno spiegato i relatori presenti all’Hard Rock Caffè di Roma tra i quali Daniele Cipriani, Micha Van Hoecke, Denys Ganio e Fabio Castaldi: nomi prestigiosi appartenenti al mondo dello spettacolo e che fanno parte a pieno titolo del gotha artistico italiano.

Unanime parere, dunque, da parte della stampa sul successo annunciato per questo appuntamento al Teatro Olimpico dal 3 all’8 marzo 2020.

Al centro dello spettacolo il ricordo di Syd Barret, fondatore e componente dei leggendari Pink Floyd che abbandonò il gruppo per una “autoviolenza” mentale che si procurò e che lo condusse alla morte.

La performance è un insieme di arte multimediale dove si incontra il classico e il rock in una dimensione onirica e suggestiva, capace di incantare gli spettatori, anche quelli che non hanno vissuto l’epoca del grande rock psichedelico.

Un amalgama di comunicazioni tra le visioni artistiche di ballerini e i musicisti che riconsegnano ai grande eventi un appuntamento imperdibile.

Già dalla prima tappa di questo tour, a Ravenna, il pubblico presente ha tributato tredici minuti di applausi, e ovunque, in seguito, si è registrato il tutto esaurito.

Non poteva essere diversamente per un progetto certamente ambizioso e ben riuscito che attraverso le note di celebri brani floydiani, accompagna lo spettatore in un viaggio tra il bene e il male, che parte dall’adolescenza e raggiunge l’età adulta, tra speranza e suggestioni, per finire con la morte e poi con la rinascita.

 

 

Bruna Fiorentino


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti