Farmacia Federico consegna medicine

Deserto Rosso. Intervista a Erika Savastani

La cantante di San GIovanni con Danilo Pao forma il gruppo 'vicino' agli Zero Assoluto
di Maria Giovanna Tarullo - 24 Luglio 2009

In una calda giornata di fine luglio abbiamo incontrato nello storico bar Necci, nel quartiere Pigneto, Erika Savastani cantante del gruppo romano Deserto Rosso.
Il gruppo formato da Erika insieme a Danilo Pao, conosciuto sopratutto per essere il chitarrista nonché produttore insieme ad Enrico Sognato degli Zero Assoluto.

Leggete l’intervista seguente, perché questo gruppo romano è da tenere sott’occhio per il loro sicuro successo.

Come è nato il progetto Deserto Rosso?

Il progetto Deserto Rosso nasce dalle ceneri dei vecchi gruppi, di cui io e Danilo Pao eravamo membri. La mia decisione di tornare a Roma, dopo aver viaggiato molto e lavorato all’estero nel campo della musica e del cinema, mi ha portato a conoscere Danilo tramite il bassita del mio primo gruppo gli "Isterika". Un valido musicista che stimavo molto e che aveva già molta esperienza nel campo della produzione musicale; per molto tempo abbiamo suonato con questa formazione più la collaborazione di Ash (allora bassista degli Almamegretta).

Anche se nel momento in cui Danilo insieme ad Enrico Sognato ha deciso di dedicarsi alla produzione degli Zero Assoluto abbiamo rallentato i nostri progetti in campo musicale, ma ora che Matteo e Thomas hanno raggiunto il successo proprio loro hanno insistito perché riprendessimo a fare la nostra musica.

Cosa vi ha ispirato la scelta di questo nome?

La scelta del nome nasce dalla nostra passione per il cinema di Michelangelo Antonioni, in particolare per il film "Deserto Rosso". La protagonista femminile Monica Vitti è la mia attrice preferita, adoro sopratutto la sua interpretazione nell’opera di Monicelli "La ragazza con la pistola", ma di Deserto Rosso condivido la rappresentazione del regista dell’inquietudine della figura della donna.

Il vostro album racchiude molte collaborazioni, qual’è la canzone o l’artista con cui avete lavorato e a cui siete più legati?

Adotta Abitare A

Abbiamo un legame affettivo con tutti i musicisti e gli autori con cui collaboriamo, ognuna di queste persone sono state fondamentali nel nostro percorso di vita.
Chef Ragoo (rapper romano) ha collaborato alla scrittura del testo della canzone Dejavù, di lui amiamo la creatività nella stesura dei testi. Mentre Fernando Pantini ed Enrico Sognato sono due validi musicisti che collaborano attivamente al progetto, ma importante è anche il rapporto che abbiamo instaurato con Dario Cassini, che appare nella canzone scritta da Maurizio Costanzo.

Attaualmente siete in tour con gli Zero Assoluto, dove presentate il vostro primo singolo "Senza Cuore" che riscontro state ottenendo con il pubblico?

Siamo rimasti colpiti dal successo di questa canzone, che abbiamo scritto con la collaborazione di Bruno Consoli, il pubblico ci accoglie durante il concerto con cuorisità, già raccogliamo moltissimi consensi e complimenti.

Oltre alla passione per la musica tu coltivi anche quella per la regia di videoclip, cosa ti affascina di questo mondo?

Il mondo dei videoclip mi ha sempre affascinato fin da quando ero bambina, amo il connubbio che unisce l’immagine ai suoni. Proprio per questo io e Danilo vorremmo assocciare ad ogni canzone del nostro album un video, magari da proporre durante i nostri live.

C’è un regista con cui ti piacerebbe collaborare nel campo dei videoclip?

Ammiro moltissimo la regista Romana Meggiolaro, penso che il futuro del videoclip sia lei.

Nel corso della tua carriera hai vissuto molti anni all’estero, cosa ti ha spinto a tornare a Roma?

Dopo tre anni vissuti tra Londra e Los Angeles, nel momento in cui sono ritornata a Roma per un periodo di vacanza ho riscoperto la bellezza di questa città e del quartiere San Giovanni dove sono nata e cresciuta. Qui ho conosciuto musicisti legati fortemente alle radici della capitale, mi sono ritrovata a dover cambiare idea poiché in principio vivevo un forte contrasto nel vivere a Roma. Penso che la città possa donare proprio perché pregna di storia, molti spunti.

Quali saranno i vostri progetti futuri?

Il nostro disco è in fase di lavoro, molte canzoni sono già finite mentre ad altre ancora stiamo lavorando.

Anche se durante l’estate saremo impegnati nella tournee degli Zero Assoluto, ma contiamo sull’uscita dell’album per il prossimo novembre. Continuando con la promozione e magari riuscire a esibirci dal vivo nel maggiori locali romani.
http://www.myspace.com/desertorosso

Senza Cuore – Deserto Rosso


Commenti

  Commenti: 1

    Commenti