I funerali di Stefano D’Orazio

La diretta video
Enzo Luciani - 9 Novembre 2020

Un corteo che è partito nel primo pomeriggio di lunedì 9 novembre 2020 da piazza del Campidoglio, passando per via dei Fori Imperiali, piazza Venezia, via del Corso, via del Tritone, piazza di Spagna e via del Babuino, scortato dai motociclisti della Polizia locale di Roma Capitale ha reso omaggio a Stefano D’Orazio, storico batterista dei Pooh scomparso venerdì scorso, i cui funerali si sono tenuti poco dopo presso la Chiesa degli Artisti in Piazza del Popolo.

La Sindaca di Roma Virginia Raggi, a nome dell’intera città, ha espresso profonda tristezza per la perdita del musicista romano e grande vicinanza alla famiglia e agli amici in questo momento di dolore.

L’Amministrazione capitolina, in accordo con i familiari dell’artista, sta collaborando attivamente all’organizzazione della cerimonia che si terrà in forma privata nel rispetto delle misure anti Covid.

Farmacia Federico consegna medicine

Stefano D’Orazio

Stefano D’Orazio è nato il 12 settembre 1948 a Roma.

Diventa il batterista dei Pooh nel 1971, quando uno dei componenti degli esordi Valerio Negrini decide di abbandonare il gruppo, da quel momento ha inizio per lui una lunga storia insieme alla band durata ben 50 anni.

Per i Pooh Stefano D’Orazio non è stato solo un musicista, ma un vero e proprio pilastro. Ha contribuito sia alla stesura dei testi dei brani più importanti all’organizzazione delle tournée.

“Abbiamo perso un fratello, un compagno di vita, il testimone di tanti momenti importanti, ma soprattutto, tutti noi, abbiamo perso una persona per bene, onesta prima di tutto con se stessa. Preghiamo per lui. Ciao Stefano, nostro amico per sempre…”

Con queste parole i colleghi Roby Facchinetti, Dodi Battaglia e Red Canzian hanno salutato Stefano con un post sui social ufficiali dei Pooh.

La carriera di Stefano D’Orazio non è legata solo al marchio Pooh.
Nel 2009 decide di allontanarsi dal gruppo per una pausa, inizia ad occuparsi del mondo dei musical occupandosi della stesura dei testi in italiano di “Mamma Mia”, “Aladin”, “Pinocchio”, “W Zorro” e “Cercasi Cenerentola”.

L’ultima reunion con i Pooh è avvenuta nel 2015 in occasione dell’anniversario dei 50 anni della band celebrato con una serie di concerti d’addio in giro per l’Italia.

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti