Il MiBac finanzia con un milione di euro la valorizzazione delle ville imperiali dell’Aniene

Ecco quelle che verranno restaurate e saranno oggetto di nuovi scavi archeologici
di Serenella Napolitano - 2 Settembre 2011

Quando si parla di beni culturali da tutelare molte volte si fa l’errore di pensare solo alla grande Roma. In realtà l’intero territorio della sua Provincia è ricco di testimonianze archeologiche e storiche che meritano interesse e tutela. Per questo motivo arriverà a breve un finanziamento di un milione di euro dal Ministero dei Beni e le Attività Culturali per la valorizzazione delle ville dell’Aniene.

“Un finanziamento di un milione di euro verrà destinato nel Lazio per la valorizzazione delle Ville Imperiali dell’Aniene”. Ad annunciarlo il Sottosegretario ai Beni e alle Attività Culturali, Francesco Giro che aggiunge: “Gli interventi, che saranno sia di scavo che di manutenzione ordinaria e straordinaria, riguarderanno la Villa di Orazio a Licenza, quella di Nerone a Subiaco e quella di Traiano ad Arcinazzo Romano.

“Si tratta di luoghi di grande suggestione per i visitatori-sottolinea Giro- databili tra il I secolo a. C. e il I secolo d.C. La Villa di Licenza venne donata da Mecenate al poeta Orazio. Nel complesso è visibile anche l’impianto termale che venne ampliato con l’aggiunta di un ambiente ellittico, adibito a ninfeo o a vasca per l’allevamento dei pesci”. “La Villa a Subiaco -prosegue Giro- raggiungibile attraverso la Via Sublacense, fu fatta costruire dall’Imperatore Nerone ed è un alto esempio di architettura ingegneristica. Con la costruzione delle dighe, di tagli della roccia e di padiglioni a terrazze doveva coprire un’area sicuramente più vasta di Villa Adriana”.

“La finalità del progetto -conclude il Sottosegretario- si baserà sul carattere unitario che contraddistingue i tre ambiti archeologici, data innanzitutto da motivazioni storico, culturali ed ambientali. L’intervento ha come finalità il miglioramento e il completamento delle opere di restauro e tramite un sistema integrato che interesserà anche Villa d’Este, Villa Gregoriana e il Santuario di Ercole Vincitore, recentemente riaperto al pubblico, l’offerta culturale e turistica del Lazio sarà notevolmente ampliata”.

In una nota il vicepresidente del Consiglio regionale del Lazio, Bruno Astorre dichiara:“Esprimo il mio apprezzamento per la scelta, annunciata dal sottosegretario ai Beni e alle Attività culturali, Francesco Giro, di finanziare la valorizzazione delle Ville imperiali dell’Aniene. Attraverso la tutela dei siti archeologici del Paese, della nostra provincia, si dipana una strategia che ripaga in termini di conoscenza e di attrazione turistica. Per questo ricordo al sottosegretario che, adesso,sarebbe buona cosa disporre finanziamenti per la Villa di Massenzio, a San Cesareo. La prova di sensibilità e lungimiranza, mostrata da Giro in questa occasione, mi dice che anche questo invito non rimarrà inascoltato”. 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti