Il Poeta oltreconfine al liceo Benedetto da Norcia

Il 21 aprile 2022 un convegno-spettacolo su Pasolini e la mostra fotografica “Stupenda e misera città. Pasolini, Roma, le borgate”
Maria Luisa Incollingo - 22 Aprile 2022

Nella mattinata del 21 aprile 2022 nel V Municipio, nella sede succursale del liceo classico e delle scienze umane Benedetto da Norcia, hanno avuto luogo due eventi ospitati nei locali del Liceo.

Il primo, l’inaugurazione della Mostra Fotografica itinerante “Stupenda e misera città. Pasolini, Roma, le borgate” ricca di ben 80 scatti del fotografo Rodrigo Pais, pervenuti dalla Università di Bologna che ne è la depositaria.

Il secondo un convegno-spettacolo dal titolo “In limine Urbis. Il poeta oltreconfine”, organizzato dalla stessa scuola e da numerose associazioni che operano nel territorio (Terzo Millennio, Polvere di Stelle, UILT Lazio, Periferie, SPQM Simposio di Prosa Quarto Miglio, Nuovo Coro Popolare e Bibliocanto) in occasione del centenario della nascita di Pier Paolo Pasolini. L’evento era patrocinato dal Municipio Roma V e dal Comitato Nazionale per le celebrazioni del Centenario.

Introdotto da un saluto del Preside, prof. Fabio Foddai, il convegno si è articolato in letture da opere di Pasolini (a cura di Aurora Fratini, Sara Proietti, Henos Palmisano e Loredana Martinez), Canzoni di Pasolini o su Pasolini eseguite dal Nuovo Coro Popolare e Bibliocanto diretto da Paula Gallardo Serrao, dotti interventi sulla poesia, sul cinema e sulla cristologia di Pasolini pronunciati dal prof. Rino Caputo (Presidente Comitato Nazionale celebrazioni) e dal prof. Francesco Sirleto (Incaricato del Municipio Roma V per il coordinamento delle iniziative del Centenario nel V Municipio).

Il Convegno aveva come finalità quella di documentare, attraverso l’esame delle opere, il profondo legame tra il poeta immigrato dal Friuli nel 1950 a Roma e il variegato, tormentato e degradato mondo delle borgate e dei borghetti della periferia est della Capitale d’Italia.

Decathlon Collatina

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti