Intitolazione ad Achille Serrao della Sala Conferenze della Biblioteca Rodari

Due iniziative per ricordare il Poeta il 15 a Villa De Sanctis e il 19 ottobre 2015 a Tor Tre Teste
Redazione - 16 Settembre 2015

La Giornata Achille Serrao (1936-2012) che dal 2013 si tiene ogni anno il 19 ottobre, quest’anno si articolerà in due distinte iniziative, una prima che si terrà dalle ore 17 del 15 ottobre presso la Casa della Cultura di Villa De Sanctis in via Casilina 665 ed una seconda il 19 ottobre alle ore 17 presso la Biblioteca Gianni Rodari in via Francesco Tovaglieri 237A.

Il poeta Achille Serrao

Il poeta Achille Serrao

Le associazioni “Periferie”, il Centro di documentazione della poesia dialettale italiana “Vincenzo Scarpellino e il Centro culturale Lepetit, in accordo con la direttrice della biblioteca Gianni Rodari hanno chiesto al Consiglio di Amministrazione delle Biblioteche di Roma l’intitolazione della Sala Conferenze della Biblioteca di via Tovaglieri 237A ad Achille Serrao.

L’intitolazione della Sala Riunioni della Biblioteca “Gianni Rodari” al Poeta Achille Serrao intende ricordare un poeta e uno scrittore di caratura nazionale ed internazionale.

Ad Achille Serrao , insieme con Vincenzo Luciani, si deve l’istituzione del Centro di documentazione della poesia dialettale italiana “Vincenzo Scarpellino” (2.500 volumi raccolti e schedati, e numerose iniziative al suo attivo) che ha sede presso la biblioteca “Gianni Rodari” e l’istituzione del premio di poesia nei dialetti del Lazio “Vincenzo Scarpellino”.

Achille Serrao è stato anche per molti anni direttore della rivista di poesia “Periferie” che ha pubblicato versi dei più rilevanti poeti italiani contemporanei.

Achille Serrao ha promosso numerose iniziative culturali in collaborazione con e presso la Biblioteca Rodari.

E pertanto associare la Sala Conferenze della Biblioteca “Gianni Rodari” ad una figura di livello nazionale nell’ambito della poesia e della letteratura è fonte di prestigio per la Biblioteca e segno di riconoscimento per un uomo, poeta scrittore e critico letterario che ha sempre lavorato per la salvaguardia e valorizzazione della poesia, partendo da realtà periferiche.

 

AchilleSerrao2005ACHILLE SERRAO (Roma 1936-2012), poeta, scrittore e critico, è stato direttore fino al 2012 della rivista “Periferie” e del Centro di Documentazione della poesia dialettale “Vincenzo Scarpellino”.

Ha pubblicato i libri di poesia in lingua: Coordinata Polare, 1968; Destinato alla giostra, 1974; Lista d’attesa, 1979; L’altrove il senso, 1987. Il 1989 segna il passaggio alla scrittura in dialetto. In dialetto ha pubblicato: Mal’aria (1990), ’O ssupierchio (1993), ’A canniatura (1993), Cecatèlla (1995), Semmènta vèrde (1996), Cantalèsia (1999), Giro di casa (2001), Disperse (2008).

Ha inoltre pubblicato libri di narrativa: Sacro e profano (1976), Scene dei guasti (1978), Cammeo (1981), Cartigli (1989), Retropalco (1995) e di saggistica (su Luzi e Caproni), Via Terra. Antologia della poesia Dialettale (1992), Presunto inverno. Poesia dialettale e dintorni degli anni novanta (1999), Il pane e la rosa. Antologia della poesia napoletana dal 1500 al 2000 (2005), Poeti di Periferie (2009).

Una raccolta degli scritti critici sulle sue opere, con cronologia della vita e delle opere e bibliografia completa dei testi e della critica è in Achille Serrao, poeta e narratore, a cura di Cosma Siani (Ed. Cofine 2004).


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti