Io resto a casa e disegno il pleistocene del Museo di Casal de’ Pazzi

Continua il contest per bambini e ragazzi #Un mondo scomparso, nell’ambitodegli appuntamenti digital dei Musei Civici
Bruno Cimino e Bruna Fiorentino - 27 Marzo 2020

Nell’ambito dell’iniziativa Io resto a casa e disegno il pleistocene del Museo di Casal de’ Pazzi, continua il contest per bambini e ragazzi #Un mondo scomparso. 

C’è tempo fino a domenica 29 marzo per inviare i propri disegni dedicati all’età pleistocenica di 200.000 anni fa e tentare di vincere un libro dedicato alla preistoria. Basterà inviare le proprie composizioni all’indirizzo e-mail info@museocasaldepazzi.it oppure postarli sulla pagina facebook del Museo e attendere la proclamazione del vincitore con più like in programma lunedì 30 marzo.

Sempre in tema di contest, #FinestresuRoma realizzato in collaborazione con Sapienza Università di Roma – Facoltà di Lettere e Filosofia (corso di laurea in Storia dell’arte) e Master Digital Heritage. Cultural Communication Through Digital Technologies. Con gli scatti di ciò che si vede dalla propria finestra di casa si contribuirà a costruire un racconto collettivo di questo momento particolare della nostra città, fatto di luoghi, storie e monumenti.

Nel corso del fine settimana, saranno sempre attivi e disponibili i cinque tour virtuali dei Musei Civici, in lingua italiana e inglese, per scoprire da vicino, attraverso mappe interattive, le sale e le opere dei Musei Capitolini, Mercati di Traiano – Museo dei Fori imperiali, Museo dell’Ara Pacis, Museo Napoleonico e il Casino Nobile dei Musei di Villa Torlonia. Così come non cesserà l’attività divulgativa dei canali social: i Musei in Comune racconteranno le loro collezioni, si scopriranno le particolarità delle mostre in corso all’interno dei Musei, mentre la Sovrintendenza Capitolina offrirà una panoramica dei monumenti sul territorio romano. Sempre a disposizione dell’utente, inoltre, la piattaforma online www.google.com/artproject sviluppata dal Google Cultural Institut, attraverso la quale si potranno ammirare le immagini ad alta risoluzione delle opere più importanti di quindici dei nostri musei partner (Musei Capitolini, Centrale Montemartini, Mercati di Traiano, Museo dell’Ara Pacis, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo della Civiltà Romana, Museo delle Mura, Museo di Roma, Museo Napoleonico, Casa Museo Alberto Moravia, Galleria d’Arte Moderna, Museo Carlo Bilotti, Museo Pietro Canonica, Museo di Roma in Trastevere, Musei di Villa Torlonia) e, per 12 di questi musei, si potranno visitare virtualmente le sale grazie alla tecnologia Street View.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti