L’ “Hotel Terra” di Benvegnù in scena al Blackout Rock Club

In via Casilina 713, mercoledì 18 marzo, dopo il sold-out dello scorso autunno all'Auditorium
di Valerio Di Marco - 3 Marzo 2015

C’è grande attesa per il concerto di Paolo Benvegnù al Blackout Rock Club, in via Casilina 713, mercoledì 18 marzo, dopo il sold-out dello scorso autunno all’Auditorium.

L’ex cantante e chitarrista degli Scisma inaugurerà proprio a Roma il suo tour di presentazione di Earth Hotel, il disco pubblicato ad ottobre, tra le uscite italiane più belle del 2014.

blackoutE come il disco, anche lo spettacolo dal vivo dell’artista milanese trapiantato a Firenze sarà un viaggio complesso e immaginario, ma con solidi riferimenti alla realtà, in un mondo parallelo che esiste e non esiste. Un hotel frutto della fantasia, apolide e cosmopolita, come le anime che lo affollano.

Esattamente come in The Grand Budapest Hotel, il film di Wes Anderson, che l’album richiama nel titolo e al quale – più o meno velatamente – è ispirato.

Nel nuovo show, i pezzi di Earth Hotel avranno un ruolo preminente, ma ci sarà spazio anche per i brani più vecchi di Benvegnù, sia nelle vesti di solista che in quelle di leader della band con la quale divenne famoso nella seconda metà degli anni novanta.

interview_paolobenvegnu2Dopo lo scioglimento degli Scisma, nel 2000, Benvegnù ha via via affinato il suo stile, passando dall’alternative-rock acido degli esordi ad un cantautorato più maturo, dal piglio arioso e barocco, capace di fondere tradizione e modernità grazie anche ad un uso intelligente dell’elettronica. Ma è la scrittura che fa la differenza, e i suoi testi sono caratterizzati da un approccio letterario, colto e sapienziale che ne valorizza la poeticità.

Una poeticità dalla quale sarà possibile lasciarsi rapire tra due settimane, quando il Blackout, per una notte, si trasformerà nell’ “Hotel Terra.

Per info: Blackout Rock Club, via Casilina 713

Tel: 06-2415047

email: info@blackoutrockclub.com

Ingresso: 10,00 EUR

Serenella

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti