Categorie: Sport
Municipi: ,

La Lazio trionfa nella Tim Cup

Finisce ai rigori la finale di Coppa Italia. Lazio Sampdoria 7-6 dopo l'1-1 nei 120 minuti

Foto tratte da www.lazialita.it

Stadio Olimpico pienissimo e bellissimo, colorato come non si vedeva da tempo. Aiuta a dir il vero anche la massiccia presenta dei tifosi blucerchiati che con le loro eleganti coreografie non creano stacchi cromatici tali da disturbare la visione d’insieme dello stadio.
Ma è al 4’ minuto che si aprono le danze. Il solito Zarate si libera di Stankevicius e batte Castellazzi. Ancora un destro a girare partendo da sinistra e accentrandosi, il movimento del gol nel derby Lazio-Roma ma con una saetta più bassa che si infila alla sinistra di Castellazzi. Poi la Lazio si ferma e non convince.
La Samp con i cinque a centrocampo imbrigliano i biancocelesti e organizzano la reazione. Al 31′ Cassano, che svaria lungo tutto il fronte d’attacco per non dare punti di riferimento ai difensori avversari, taglia il campo col destro e serve Stankevicius che gira in area per Pazzini che di testa infila l’incolpevole Muslera.

Inizia il secondo tempo e la Lazio spinge con uno Zarate che sembra però l’unico veramente in grado di creare seri problemi agli ospiti. Molti gli ammoniti da parte doriana che le tentano tutte per fermare l’asso argentino.

Iniziano i supplementari dopo che lo stadio di parte laziale canta in sequenza i suoi inni. Il tifo blucerchiato guarda attonito ma non replica adeguatamente. Eppure non è esiguo il loro numero ma forse manca la logistica adeguata per mostrare quello che di bello a livello canoro sanno fare a Marassi.
Sul campo neanche questi ennesimi trenta minuti di gioco sbloccano lo stallo.

Nei rigori calciati a oltranza, un provvidenziale Muslera para su Campagnaro. Dopo di Lui Dabo realizza la rete del definitivo 7-6 finale. Prima avevano sbagliato due illustri come Cassano e Rocchi.

Roma di parte laziale esulta e ricorda ai dirimpettai la loro stagione a “Zero Titoli”. Commovente il volto felice di Delio Rossi “Forrest Gump” che sembra quasi incredulo al momento della premiazione. La bacheca di Formello si riapre. La Lazio si aggiudica la sua quinta Coppa Italia, il primo trofeo della gestione Lotito.

Il tabellino e pagelle di Lazio – Sampdoria

Lazio

(4-4-2) Muslera 7; Lichtsteiner 6, Siviglia 6, Rozenhal 5,5, kolarov 6; Brocchi 7 (13′ pts De Silvestri 6), Dabo 7,5, Ledesma 5,5, Foggia 6,5 (35′ st Del Nero 5,5); Pandev 6 ( 28′ st Rocchi 6), Zarate 8
All. Delio Rossi
N.e. Carrizo, Radu, Diakitè, Meghni, Mauri

Sampdoria

(3-5-2) Castellazzi 7; Campagnaro 6,5, Lucchini 6,5 (6′ pts Gastaldello 6), Accardi 5,5; Stankevicius 6, Sammarco 6 (46′ st Dessena 6), Palombo 6, Franceschini 5,5 (43 st Delvecchio 5,5), Pieri 6; Pazzini 6,5, Cassano 6,5
All. Novellino 6,5
N.e. Mirante, Raggi, Padalino, Marilungo

Arbitro: Rosetti 6. Assistenti: Calcagno, Ayroldi. Quarto uomo: Rizzoli

Reti: 4’pt Zarate (L), 31’pt Pazzini (S)

Note: Terreno in buone condizioni. Spettatori 70 mila circa. Ammoniti: Foggia (L), Siviglia (L), Lucchini (S), Accardi (S), Delvecchio (S), Palombo (S), Gastaldello (S), Campagnaro (S). Recupero 0+2.  

Tutta la seguenza dei rigori di Lazio Sampdoria così come li ha vissuti la tribuna

Ampia sintesi della finale di Coppa Italia Tim Cup

Commenti

  1. lele  

    e roma zero titoli!

Un commento su “La Lazio trionfa nella Tim Cup

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati